rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Cronaca San Felice sul Panaro

Terremoto a Finale e San Felice, aperta inchiesta sui capannoni crollati

Il Procuratore Vito Zincani: "Per ora non c'é alcuna ipotesi di reato e non sono state presentate denunce da privati: bisogna verificare come sono stati costruiti i capannonie se sono state rispettate le norme tecniche antisismiche"

Il crollo dei capannoni, anche di recenti costruzione, provocato dal terremoto nelle zone delal Bassa, ha portato il Procuratore della Repubblica di Modena Vito Zincani ad aprire un fascicolo conoscitivo. "Saranno accertamenti molto lunghi - ha dichiarato - Per ora non c'é alcuna ipotesi di reato e non sono state presentate denunce da privati. Certo il terremoto è un fatto straordinario - ha aggiunto Zincani parlando con i giornalisti - ma bisogna verificare come sono stati costruiti i capannoni (riferendosi in particolare a quelli più recenti, ndr) e se sono state rispettate le norme tecniche antisismiche". Il procuratore ha precisato che "sarà fatta una mappatura nella Bassa, e ci coordineremo con la Prefettura che sta facendo la ricognizione dei danni". Sui crolli che hanno interessato capannoni industriali ha avviato un'inchiesta anche la Procura di Ferrara: nella provincia estense sono morti quattro operai nei crolli di tre aziende.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto a Finale e San Felice, aperta inchiesta sui capannoni crollati

ModenaToday è in caricamento