rotate-mobile
Cronaca San Felice sul Panaro

Terremoto a Finale e San Felice, Errani: "Aiuti per 5mila sfollati"

Il Governatore dell'Emilia Romagna: "In azione un migliaio di volontari della Protezione Civile. Danni? Ora come ora è inutile fare stime: vogliamo essere rigorosi e seri per poter definire ricostruzione"

“Complessivamente, nella notte tra il domenica 20 e lunedì 21 maggio sono state ospitate nei campi e nelle strutture di prima assistenza di protezione civile 4.914 persone di cui 1.288 nel ferrarese, 266 nel bolognese, 3.360 nel modenese e sono in fase di completamento entro la mattinata di oggi ulteriori strutture per fornire assistenza ad altre 1.310 persone”. Così il Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani: il Governatore ha fatto il punto della situazione intorno alle 11 di stamane, lunedì 21 maggio. Errani ha relazionato sul terremoto alla Conferenza dei capigruppo, convocata in forma straordinaria assieme all’Ufficio di Presidenza, dal presidente dell’Assemblea legislativa, Matteo Richetti. Con Errani, in Capigruppo, l’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo.

ASSISTENZA AGLI SFOLLATI - L’evento ha provocato il decesso di 7 persone, mentre altre 47 hanno riportato traumi per i quali è stato necessario il ricovero ospedaliero. “Sono circa 5 mila gli sfollati”, ha spiegato il presidente della Giunta, considerando sia le persone che hanno la casa inagibile, e che rappresentano una fetta di popolazione “del tutto minoritaria”, sia le famiglie che non se la sentono di rientrare nelle loro abitazioni prima del completamento delle verifiche sulla tenuta delle strutture. Sono stati sgomberati i presidi ospedalieri di Finale Emilia e Mirandola ed è stato attivato un posto medico avanzato a Mirandola per assicurare, pur in condizioni di emergenza, la prosecuzione delle attività sanitarie, con il personale del Servizio sanitario regionale. In totale, al momento, per organizzare e gestire le attività assistenziali sono stati attivati 731 volontari di protezione civile della Regione oltre a circa 300 volontari delle altre Regioni (Marche, Umbria, Toscana, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige).

RIENTRO - “Il rientro nella case - ha detto Errani - sarà comunque complicato fino a quando le scosse continueranno, e ci prepariamo alla gestione integrata dell’accoglienza per un determinato numero di giorni”. Nella giornata di domenica sono state impegnate 8 squadre (16 tecnici) per la rilevazione dei danni e i sopralluoghi necessari; oggi se ne aggiungeranno altre 12, e altre 20 squadre di rilevatori in arrivo da altre Regioni saranno operative da domani. “Le priorità sono le scuole, gli edifici pubblici, le imprese e le case, con l’obiettivo di accelerare il processo di rientro nelle abitazioni”.

STIME DANNI - Infine, ieri il presidente della Giunta ha trasmesso al presidente del Consiglio, Mario Monti, la richiesta di dichiarazione di stato di emergenza nazionale; è stata preannunciata per la giornata di domani la presentazione del provvedimento in Consiglio dei ministri e la connessa ordinanza del Capo dipartimento della Protezione civile per la gestione della prima fase dell’emergenza. Quanto alla stima dei danni, Errani è stato molto chiaro: “I danni sono quelli che sono, inutile fare stime. Vogliamo essere rigorosi e seri per poter definire il percorso della ricostruzione. Avvieremo un confronto col Governo, stiamo studiando un meccanismo con i Consorzi fidi per anticipare i finanziamenti necessari a ripristinare l’attività produttiva, prevediamo l’attivazione degli ammortizzatori in deroga dove sarà necessario”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto a Finale e San Felice, Errani: "Aiuti per 5mila sfollati"

ModenaToday è in caricamento