Assegno falso per comprare i ricambi dell'auto, denunciato

Truffa nel carpigiano: incastrato dalla Polizia un uomo di 49 anni con precedenti

La Polizia di Stato di Carpi ha denunciato un uomo di 49 anni, con diversi precedenti, responsabile di una truffa ai danni di un negozio di ricambi auto a Carpi. A fine agosto, dopo diversi contatti telefonici con la titolare del negozio, l'uomo aveva concordato l’acquisto di alcune parti meccaniche di una vettura monovolume di grossa cilindrata.

Il 28 agosto il 49enne si era recato presso il punto vendita per ritirare la merce, del valore di circa 1000 euro, pagandola con un assegno e, asserendo di essere dipendente di una autocarrozzeria di Sorbara, aveva fornito i dati della stessa per l’emissione della fattura. 

Il fatto che il ritiro della merce era avvenuto di sera, in orario in cui le banche sono chiusi, non aveva permesso alla venditrice di verificare la validità dell’assegno, il cui conto di riferimento, come successivamente accertato, era estinto da parecchio tempo.

Richiesti chiarimenti all’autocarrozzeria di Sorbara, il titolare l’aveva informata che nessuno dei suoi dipendenti aveva proceduto a tale acquisto. Resasi conto di essere stata truffata, a quel punto alla commerciante non è rimasto altro da fare che rivvolgersi alla polizia.

Gli investigatori hanno avviato una serie di indagini che hanno permesso di accertare i fatti e di risalire all’identità del truffatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento