Finti avvocati al telefono, due pensionate truffate per migliaia di euro

E' successo a Spilamberto e a Sassuolo. Fortunatamente in altri casi le vittime hanno reagito con prontezza, anche grazie al costante lavoro di informazione svolto dalle istitutizoni

Proseguono le truffe ai danni degli anziani su tutto il territorio. Male è andata, purtroppo, a due pensionate di Spilamberto e Sassuolo. Entrambe sono cadute nell’inganno di un finto avvocato, che telefonicamente aveva chiesto somme di denaro a risarcimento di un incidente stradale provocato sempre dai rispettivi figli. Con questo stratagemma, i malfattori sono riusciti a farsi consegnare somme di denaro e monili, per un valore complessivo di circa 15.000 euro. Solo più tardi, resesi conto di essere state ingannate, si sono rivolte anche loro ai Carabinieri, che hanno avviato le indagini.

Parallelamente alle scorribande dei criminali, tuttavia, prosegue amche la campagna informativa “Più sicuri insieme”, promossa in ambito nazionale da ANAP Confartigianato e dal Ministero dell’Interno, con la collaborazione di Carabineri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

Anche nella provincia modenese, grazie all’intesa stipulata tra la Prefettura di Modena e la LAPAM Federimpresa e Confartigianato, proseguono le iniziative finalizzate a sensibilizzare gli anziani e i cittadini a rischio sul tema della sicurezza e della legalità, offrendo loro informazioni e consigli utili per evitare di incappare nelle trame dei truffatori, al citofono di casa, al telefono, in strada e sempre più spesso su internet.

Ed è grazie al lavoro quotidiano delle forze dell’ordine e proprio alle continue e capillari campagne di sensibilizzazione messe in campo negli ultimi periodi che hanno fatto si che gli ultimi tentativi messi in atto da alcuni truffatori siano andati male.

Il primo a Mirandola dove due falsi tecnici della società erogatrice dell’acqua, hanno cercato di aggirare una anziana signora, con l’intento di appropriarsi dei valori conservati in casa. Ma la donna insospettitasi ha subito avvisato i Carabinieri del posto, mettendoli in fuga i malfattori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Analogo fatto è accaduto a Spilamberto, dove, sempre una anziana donna, ha ricevuto una telefonata da parte di una persona che, qualificandosi come un appartenente alle Forze di Polizia, le ha chiesto la somma di 2.000 euro per il disbrigo delle pratiche di un fantomatico sinistro causato dalla figlia della vittima. Questa insospettitasi non ha accettato ed anzi ha chiamato subito i Carabinieri, avvertendoli di quello che le stava accadendo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

  • Piano antismog, dal gennaio 2021 blocco per diesel Euro 4 (ed Euro 5)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento