rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Campus Universitario / Via Giuseppe Campi

Eccellenze accademiche, Unimore riacciuffa il “cervello in fuga”

Rientra presso il Dipartimento di Fisica Informatica e Matematica, dove si era laureato, il prof. Olindo Corradini. Il fisico teorico ha frequentato in questi anni le migliori università di Stati Uniti, Messico e Argentina

Unimore sconfigge la “fuga” di cervelli richiamando in Italia un valido fisico teorico che, dopo essersi laureato all’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, ha trascorso lunghi anni di formazione e ricerca all’estero. Il Dipartimento di Fisica Informatica e Matematica – FIM di Unimore, infatti, si arricchisce di un nuovo “professore associato”, il prof. Olindo Corradini, affermato esperto internazionale di gravitazione e teoria quantistica dei campi, che nel tempo trascorso fuori dall’Italia ha mantenuto, tuttavia, una solida collaborazione con la struttura universitaria modenese-reggiana. Grazie alla sua presenza, dal prossimo anno accademico il FIM allargherà lo spettro di attività del Dipartimento con nuove linee di ricerca che puntano sulla fisica teorica e la cosmologia, tenendo inoltre nuovi corsi di Fisica teorica presso il corso di laurea in Fisica.

In questo modo continua quel processo di potenziamento culturale e didattico perseguito dal Dipartimento di Fisica, Informatica e Matematica, che l’anno scorso gli aveva già consentito di “accaparrarsi” un altro cervello in “fuga” con la chiamata del prof. Ciro Cecconi, un esperto di biofisica formatosi a Berkeley (USA), il quale aveva avuto modo di insegnare precedentemente in Unimore nell’ambito del programma Rita Levi Montalcini.

“Attrarre studiosi che hanno passato lunghi periodi di formazione e ricerca all’estero – commenta il prof. Mauro Ferrario, coordinatore della laurea Magistrale in Fisica - portando un contributo originale alle attività didattiche e scientifiche del dipartimento, è un preciso obiettivo del FIM, un centro di ricerca di livello internazionale che, dal prossimo anno accademico, allargherà la propria offerta didattica con una Laura Magistrale in Fisica interamente in lingua inglese. Crediamo che questa nuova proposta formativa potrà favorire un più facile inserimento lavorativo dei nostri laureati, che potranno così guardare con migliori prospettive ed attese anche a contesti scientifici e tecnologici di punta”.

Olindo Corradini, modenese, fisico teorico, si è laureato a Modena nel 1997. Successivamente ha ottenuto il dottorato di ricerca in Fisica alla State University di New York (USA). Dal 2010 è professore presso l’Universidad Autonoma de Chiapas (Messico). Inoltre collabora con la University of California (USA) e la Universidad Nacional de la Plata (Argentina).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eccellenze accademiche, Unimore riacciuffa il “cervello in fuga”

ModenaToday è in caricamento