Sassuolo, il Consiglio di Stato rigetta il ricorso di via Cavour

La sentenza ha riconosciuto il diritto dell'Amministrazione alla chiusura dello spazio occupato dall'Associazione culturale Al-Waqf Al-Islami avvenuta il 24 settembre 2009. Il sindaco Caselli: "Abbiamo sempre agito secondo la legge"

Musulmani in preghiera

Il Consiglio di Stato, con sentenza numero 05523/2013 ha rigettato definitivamente il ricorso proposto dall’Associazione culturale Al-Waqf Al-Islami relativo alla chiusura imposta dall’Amministrazione comunale di Sassuolo del luogo di culto islamico situato in via Cavour 68/1. L’Amministrazione – ricorda la sentenza - aveva disposto il “…divieto di utilizzo dell’edificio di culto fino alla presentazione e decisione della domanda di agibilità, dopo l’esecuzione di un ordine (24 settembre 2009) di ripristino e demolizione di opere di ristrutturazione abusiva”.

“Le considerazioni in ordine alla circostanza – recita il Consiglio di Stato nella sentenza – che nella specie già la prima ingiunzione aveva vietato l’utilizzo dei locali senza la acquisizione del certificato di agibilità fanno ritenere infondati i motivi con i quali si lamenta la violazione dei doveri partecipativi, di comunicazione e di preavviso di rigetto, doveri in sostanza già rispettati nella prima e decisiva ingiunzione del 24 settembre 2009. Per le considerazioni sopra svolte, l’appello va respinto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo subito per anni – commenta il Sindaco di Sassuolo Luca Caselli – cortei, proteste e persino accuse di violazione della Costituzione. Oggi è arrivata la conferma definitiva del fatto che abbiamo sempre agito secondo la legge, lo scrivono nero su bianco ben due Corti di giustizia”. “Dopo una lunga attesa durata tre anni e mezzo – aggiunge il Vicesindaco con delega alla Sicurezza Gian Francesco Menani – il Consiglio di Stato ha emesso la propria sentenza definitiva e, ancora una volta, la giustizia ha fatto il suo corso. Le leggi ed i regolamenti che sono in vigore devono essere rispettati da tutti: solo questo abbiamo sempre fatto a Sassuolo”“A questo punto – conclude il Sindaco di Sassuolo Luca Caselli – incaricheremo al più presto i tecnici comunali di fare tutte le opportune verifiche per il rispetto di quanto enunciato dalla sentenza. Se i locali non rispetteranno tutte le normative vigenti, adotteremo i conseguenti provvedimenti sanzionatori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

  • Fase 2, buone notizie per chi deve prendere la patente: c'è la data per la riapertura delle scuole guida

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Contagio, ancora due positivi nel modenese. Ennesimo decesso in Appennino

  • Covid-19 e fase acuta: a Modena il primo intervento di riparazione del tessuto polmonare

Torna su
ModenaToday è in caricamento