Via Gallucci, catturato serpente esotico dai volontari del centro fauna "Pettirosso"

Un serpente del grano è stato catturato mercoledì dai volontari del Centro Fauna Selvatica "Il Pettirosso" con la collaborazione di un gestore di un pub della zona

Un serpente del grano ("corn snake") è stato catturato mercoledì in via Gallucci a Modena dai volontari del Centro fauna selvatica "Il Pettirosso" di Modena con la collaborazione dei gestori di un locale della zona che avevano più volte avvistato il rettile sbucare da una fessura vicino a una grondaia di un palazzo. Il serpente molto probabilmente è fuggito o è stato liberato dal suo proprietario, come purtroppo accade sempre più spesso con gli animali esotici ad uso domestico. Questo tipo di serpente, proprio per il carattere mansueto, per il fatto di essere completamente innocuo, oltre che per la bellezza dei colori, è tra i rettili più allevati del mondo e non serve l'autorizzazione per tenerlo in casa.
 
Appartenente alla famiglia dei colubridi, il serpente del grano è comunque considerato una specie esotica e dal Centro fauna sarà trasferito in una struttura specializzata per questo tipo di animali. Il Centro fauna selvatica Il Pettirosso di Modena, infatti, opera sulla base di una convenzione con la Provincia di Modena. Per le segnalazioni e richieste di intervento sono attivi 24 ore su 24 alcuni numeri telefonici: 339 8183676-339 3535192 oppure è possibile chiamare anche il servizio 118. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento