Video-giornate urologiche sassolesi, quattro interventi chirurgici in diretta

All'evento, organizzato dal nuovo responsabile del reparto di Urologia dell'Ospedale di Sassuolo Riccardo Grisanti, parteciperanno specialisti di fama mondiale da Gran Bretagna, Germania e Canada. Saranno eseguiti 4 interventi in diretta per mettere a confronto chirurgia 'tradizionale' e laparoscopia robotica

Quattro interventi chirurgici in diretta, tre relatori provenienti dalle più importanti cattedre europee e internazionali di Urologia. Sono questi, in sintesi, i numeri delle due ‘video-giornate’ urologiche sassolesi. L’appuntamento è per venerdì 5 e sabato 6 giugno, presso Florim Gallery a Fiorano, a partire dalle ore 9.00.

“Obiettivo dell’evento di quest’anno, che dal 2012 è diventato un momento di incontro e formazione per gli urologi di tutta la regione, è mettere a confronto le più avanzate tecniche chirurgiche di laparoscopia robotica e gli interventi tradizionali ‘a cielo aperto’, attraverso la diretta video” spiega il nuovo responsabile dell’Unità Operativa di Urologia dell’Ospedale di Sassuolo,Riccardo Grisanti. “Saranno eseguiti dall’Ospedale di Sassuolo e da Baggiovara – dove è presente uno dei due ‘robot’ attivi in Emilia Romagna –quattro interventi mirati per valutare al meglio l’efficacia delle nuove tecnologie e valutarne i pro e i contro e il rapporto tra costi e benefici” prosegue Grisanti, che a gennaio ha ricevuto il ‘testimone’ del reparto dal dottor Riccardo Olmi.

Per seguire il convegno arriveranno a Fiorano urologi da tutta Italia, ma anche dall’estero. Tra gli ospiti più importanti Arnulf Stenzl dell’Università di Tübingenin Germania, il maggior esperto a livello internazionale di chirurgia ricostruttiva della vescica nelle donne colpite da tumore. Come relatori interverranno ancheMarc Emberton da Londra, specializzato in terapia mininvasiva per i tumori della prostata e Laurence Klotz da Toronto in Canada, esperto di sorveglianza attiva per i tumori della prostata a basso rischio. Alle video-giornate parteciperanno anche Giampaolo Bianchi, direttore della Clinica Urologica dell’UNIMORE e l’urologo Marco Carini dell’Università di Firenze.

La necessità di mettere a confronto le varie tipologie di intervento in campo urologico deriva dal fatto che le nuove tecnologie – come la laparoscopia robotica – rappresentano, per le strutture sanitarie che se ne dotano, non solo benefici in termini di capacità operativa, ma anche costi, spesso molto più elevati dei tradizionali strumenti usati dai professionisti. Per questo motivo è fondamentale studiare i reali benefici sul paziente di tali applicazioni e valutare correttamente le opportunità del loro utilizzo. La laparoscopia robotica rappresenta il futuro della chirurgia ma è necessario fare il punto sul suo uso, per poter meglio decidere quando e come servirsene.

Ogni anno in ospedale a Sassuolo vengono operate in Urologia circa 1.100 persone (l’equivalente di 30 operazioni a settimana). L’intervento chirurgico maggiormente effettuato a Sassuolo è quello per il tumore alla vescica (il 40% circa dei casi). Nel 2014 sono state 60 le operazioni per tumori al rene e 85 per tumori alla prostata. In Ospedale a Sassuolo lavorano 9 urologi, che sono ad oggi il punto di riferimento per l’intera area Sud della provincia (anche per gli ospedali di Vignola e Pavullo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

Torna su
ModenaToday è in caricamento