rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Villaggio Giardino / Via delle Costellazioni

Palpeggiamenti in ascensore, violenza sessuale alla residenza di via delle Costellazioni

Due giovani studentesse sono state bloccate in ascensore da due uomini che, approfittando della maggiore forza fisica, le hanno immobilizzate per palpeggiarle sotto la camicetta. Sul posto è intervenuta la polizia di stato

Dopo essersi godute un caffè nell'area benessere dello stabile, avevano deciso di tornare in camera salendo con l'ascensore: ad attenderli, però, c'erano due uomini armati di pessime intenzioni. Questo il prologo di un grave episodio che ha avuto luogo venerdì notte al residence per studenti universitari di via delle Costellazioni, struttura non più in gestione dell'Ateneo ma di una società esterna. A notte fonda, una coppia di uomini di nazionalità turca di 44 e 43 anni, residenti nella struttura, ha atteso due giovani studentesse poco più che ventenni all'interno della cabina dell'ascensore per riservare loro attenzioni non gradite: approfittando della stazza e della forza fisica superiore, le hanno immobilizzate per poi iniziare a palpeggiarle sotto la camicetta. Una delle due ragazze è riuscita a divincolarsi dalla morsa una volta giunta al quarto piano, mentre l'altra è stata vittima di ulteriori attenzioni da cui è stato possibile liberarsi successivamente solo grazie a un vigoroso spintone. Corse immediatamente in portineria, una delle giovani ha informato il custode ha subito allertato la polizia di stato: una volta raccolta la descrizione, per gli agenti non è stato difficile individuare i due soggetti all'interno della struttura. Rintracciati, i due turchi sono stati tratti in arresto con l'accusa di violenza sessuale: uno dei due ha reagito con spintoni e parole grosse, ottenendo così un'ulteriore denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palpeggiamenti in ascensore, violenza sessuale alla residenza di via delle Costellazioni

ModenaToday è in caricamento