Vivere Modenese | Le 5 curiosità che non sapevi della Maserati

Una storia quella del tridente che ha visto più di un secolo di automobili, progetti e manager che l'hanno creata, modificata e resa oggi una delle aziende di automobili più competitive al mondo

Nella fertile terra dei motori modenese-bolognese, l'azienda che più di tutte ha visto negli ultimi tre anni un incremento della propria produzione è la Maserati S.p.A. Una storia quella del tridente che ha visto più di un secolo di automobili, progetti e manager che l'hanno creata, modificata e resa oggi una delle aziende di automobili più competitive al mondo. Ecco le 5 curiosità che non sapevi sulla Maserati: 

LA MASERATI E' NATA A BOLOGNA. Se oggi il tridente si impone sulla città di Modena è solo perché l'azienda nel 1937 viene venduta al famoso industriale modenese Adolfo Orsi che la trasferì da Bologna nella sua città. Infatti l'azienda Maserati nacque nel 1914 in un'officina di Bologna per opera dei fratelli Alfieri, Ettore ed Ernesto Maserati. All'epoca la fabbrica aveva 5 dipendenti ed è ancora visibile nel capoluogo di regione in via Isotta Fraschini. 

LA STORIA DEL TRIDENTE. Quando Alfieri Maserati pensò ad un simbolo per il proprio marchio si guardò prima di tutto attorno, per dare un segno di bolognesità al proprio brand. Non fu però lui a pensare al tridente, bensì il marchese Diego de Sterlich, che per l'appunto si rifece alla statua del Poseidone in Piazza Maggiore a Bologna. 

PERCHE' IL BLU MASERATI? Inizialmente la maserati aveva una prevalenza di due colori, cioè il rosso e il blu. E' evidente che si fa ancora una volta accenno alla storia di Bologna. Dopo il trasferimento a Modena però le auto furono sempre più caratterizzate da un blu che viene tutt'ora definito "blu maserati". Non sarà perché il blu è presente anche nei colori di Modena? 

LE CONTROVERSIE CON LA FERRARI. Dal 1929 al 1947 le scuderie Ferrari e Maserati distavano circa 300 m una dall'altra. All'epoca erano delle semplici offine, nessuno avrebbe mai pensato che sarebbero diventate azienda di importanza mondiale, ma comunque il segreto industriale era continuamente in pericolo. Infatti, succedeva spesso che venissero mandati giovani come apprendisti nella azienda concorrente con la scusa di un apprendistato, per poi sbriciare nei progetti dell'avversario. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL DOPPIO SIMBOLO DELLA MASERATI. La Maserati ha in realtà due marchi. Infatti è previsto un marchio ovale da utilizzarsi nelle comunicazioni corporate e istituzionali mentre il marchio senza l’ovale, tutto nero, da utilizzarsi per tutti gli strumenti di stampa e negli eventi di marketing. Altra novità fu la “saetta” Maserati, da utilizzarsi solo come firma di prodotto nei materiali “below the line”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. A Modena altri 14 decessi, calano gli interventi delle ambulanze

  • Meteo | Impennata improvvisa delle polveri sottili, vediamo perché

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

  • I numeri nei Comuni: positivi e persone in isolamento in provincia di Modena

  • Contagio. Nuovi positivi in regione, oggi +713. Altri 88 decessi

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

Torna su
ModenaToday è in caricamento