menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di www.festivalitaca.net

foto di www.festivalitaca.net

Vivere Modenese | Vignola, viaggio nella terra delle ciliegie e dei duroni

Ogni anno tra la fine di Maggio e l'inizio di Giugno il territorio di Vignola e dei comuni limitrofi, si arricchisce di ciliegie, duroni e morette. Le 4 curiosità che non sapevi sulle ciliegie italiane

Ogni anno tra la fine di Maggio e l'inizio di Giugno il territorio di Vignola e dei comuni limitrofi, tra cui Castelnuovo Rangone, Castelvetro e Settecani, si arricchisce di ciliegie, duroni e morette. Una tradizione quella della ciliegia che trasforma il nostro territorio in una ricca commistione di sapori, gusti e antiche tradizioni. Ecco le 4 curiosità sulla tradizione della ciliega modenese in un viaggio dal sapore dolce: 

UNA RECENTE TRADIZIONE. A differenza di quello che si può pensare, la tradizione delle ciliegie o per meglio dire della moretta di Vignola, è molto più recente di quanto pensiamo. Infatti venne creata, con una serie di inventive scientifiche, alla fine dell'Ottocento. A seconda delle località dove viene coltivata, viene anche chiamata Ciliegia Mora, Mora di Vignola, Ciliegia Nera o semplicemente Ciliegia per distinguerla dalle altre varietà a polpa soda conosciute come Duroni. 

L'EDEN DELLE CILIEGIE. Non tutti i territori modenesi, o per meglio dire a sud di Modena, offrono la stessa qualità di ciliegie, perché infatti seppur siano per lo più buone tutte quelle che si trovano nel vasto territorio che va da Castenuovo Rangone a Vignola, c'è un lembo di terra migliore di tutti gli altri. Si chiamano Le Basse, intendendo con questo termine il territorio scavato dal fiume Panaro a ridosso di Vignola, che è considerato e certificato come il luogo che produce le migliori ciliegie in Italia. 

CILIEGIE, DURONI, AMARENE, MARASCHE E VISCOLE. Se già le ciliegie hanno nomi differenti a seconda della zona in cui vengono coltivate, ad esse si legano le varie specie, le cui differenze sono notevoli e si possono capire dal solo assaggiare. Cerchiamo di fare un po' di ordine: le amarene hanno la polpa e il succo di colore chiaro, un sapore amarognolo e leggermente acido;  le marasche sono frutti piccoli di colore rosso-nerastro, come la polpa, dal sapore molto acido e amaro; le visciole hanno la polpa e succo di colore rosso intenso, con sapore abbastanza dolce; Le ciliegie tenerine o solo ciliegie sono a polpa tenera, di colore rosso scuro con succo colorato o di colore chiaro con succo incolore; Infine, ciliegie duracine o duroni hanno dimensioni maggiori e polpa soda, sono di colore rosso scuro o nero con polpa rossa, oppure di colore rosso chiaro con polpa giallastra o rosacea. 

VIGNOLA, LA CAPITALE DELLE CILIEGIE. In Italia Vignola è l'indiscussa capitale delle ciliegie. Questa nomina è stata possibile sia perchè effettivamente la qualità delle ciliegie di Vignola è superiore a tutte le altre del paese, ma anche perché il "Consorzio della Ciliegia tipica di Vignol" dal 1965 si batte per migliorare la produzione e difendere questo prodotto unico al mondo. Dal 1990 il Consorzio consegna il premio Ciliegia d'Oro ad un personaggio emiliano-modenese che si è distinto in ambito culturale, sportivo, imprenditoriale o umanitario. La feste delle ciliegie iniziata iniziata questo weekend, si svolgerà nel fine settimana el 4 e 5 Giugno e nuovamente del 10, 11 e 12 Giugno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia. A Modena circolazione sospesa lungo il percorso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento