"Alboreto is NOTHING", un team di ingegneri Maserati in corsa per il Mongol Rally

Riusciranno a percorrere 13.500 km a bordo di un Subaro Libero del 1991? E' l'ambiziosa avventura benefica che anche quest'anno vedrà al via un pezzo di Modena

"Alboreto is NOTHING" è la squadra di ingegneri Maserati che parteciperà al Mongol Rally, manifestazione automobilistica a fondo benefico e non competitiva, per supportare i bambini malati della “Città della Speranza”. Milano, Istanbul, Samarcanda, il Pamir, il deserto del Gobi. Nomi dal sapore di avventure lontane, di Marco Polo e di esplorazioni, di Via della Seta e villaggi quasi irraggiungibili: il Mongol Rally è tutto questo. Quest’anno oltre 400 veicoli prenderanno il via il 15 luglio per quest’avventura e tra loro anche un Subaru Libero del 1991, furgoncino a tre cilindri assai poco confortevole, con a bordo quattro avventurieri, tra cui due veneti, un milanese e un emiliano.

Nel Mongol Rally ci sono solo tre regole da rispettare; primo, la cilindrata massima consentita è 1.200 per le auto e 125 cc per i motocicli; secondo, non avvalersi di alcun tipo di assistenza lungo il percorso, che non ha un itinerario fissato dagli organizzatori; infine raccogliere almeno 1.000 sterline da devolvere in beneficenza.

Alessandro Guicciardi, Caterina Secchieri, Fabio Bernardinello e Massimiliano Pezzo, i membri della squadra “Alboreto is NOTHING" sono quattro amici e colleghi: ingegneri, provenienti dall’ambito della sperimentazione del veicolo in Maserati. E tutti da anni coltivavano questo sogno nel cassetto. Alessandro è modenese e racconta: «Questo viaggio è una delle ultime grandi avventure rimaste sulla faccia della Terra: attraverseremo ben tredici confini, passando per quella che i veterani del Mongol rally chiamano South Route, passando quindi per la Turchia, l’Iran e tutti i paesi che finiscono con - stan. Non stiamo più nella pelle al pensiero di vedere la Cappadocia e percorrere la Pamir Road con il suo punto più alto quasi a 4700 metri, la Repubblica di Altai e il deserto del Gobi! Partiremo il 16 luglio e prevediamo di ritornare tra il 20 e il 25 agosto: dipende dagli imprevisti lungo la strada».

Ma qual è il mezzo ideale per un percorso del genere?  «La filosofia alla base del Mongol Rally è di scegliere una vettura inadatta alle strade che si andranno a percorrere. La scelta del mezzo è ricaduta su un Subaru Libero del 1991, furgoncino con 52 cavalli, senza nessuno dei comfort moderni: sedili posteriori assolutamente scomodi, ruggine, nessuna sovralimentazione, zero aria condizionata e con un comportamento in strada pari a quello di un orso che va in giro sui pattini ubriaco e bendato. E’ stato amore a prima vista! E come tutti gli amori a prima vista ci sta portando a vivere notti insonni dedicate alla sua preparazione».

Infine la parte veramente importante, lo scopo ultimo del viaggio: la beneficenza. Ogni team deve versare 500 sterline a CoolEarth, che si occupa di tutela delle foreste pluviali, e almeno altre 500 a discrezione del team. La squadra ha scelto di supportare la Fondazione Città della Speranza, Onlus con l’obiettivo di migliorare le condizioni di cura e assistenza dei bambini, nonché di sostenere la ricerca scientifica in ambito oncologico e, oggi, in tutti i rami della pediatria. Fiore all’occhiello, infatti, è il Laboratorio di Oncoematologia pediatrica collegato alla relativa Clinica padovana, centro di riferimento nazionale per la diagnosi di leucemia, linfomi e sarcomi nell’ambito dell’Associazione Italiana di Emato-Oncologia Pediatrica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’impresa del genere merita certamente di essere seguita da casa: gli "Alboreto is NOTHING" sono già molto attivi sui social: sarà possibile seguirli sul loro sito internet, dal gruppo Facebook "Alboreto is nothing - Mongol Rally 2018, e hanno un profilo Instagram (alboretoisnothing2018) in cui hanno documentato anche tutta la preparazione a questa manifestazione unica al mondo. L'equipaggio posterà i video girati lungo il percorso in un canale Youtube dedicato. L'ultimo aspetto è il più importante, ed è la piattaforma per la raccolta fondi, perché l'obiettivo del Mongol Rally è fare beneficenza. La piattaforma è attiva online all'indirizzo https://gogetfunding.com/alboreto-is-nothing-mongol-rally-2018/. Quindi, come direbbe il Dogui nel film “Vacanze di Natale 1983” : “MILANO, VIA DELLA SPIGA – ULAN UDE, SIBERIA: 37 giorni, 54 minuti e 27 secondi! Alboreto is nothing!” . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Contagio Trovati 15 nuovi casi nel modenese: erano già quasi tutti in isolamento

  • Si scaglia contro la moglie e la pesta in piazza, arrestato dalla Polizia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento