rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Dalla Rete Castelfranco Emilia

In pensione "Nini", centralinista cieco dell'Ausl. I colleghi realizzano una festa speciale

In un centinaio hanno cenato al buio con l'ex collega, per oltre 20 anni centralinista che ha gestito le chiamate al distretto di Castelfranco Emilia

Nel lontano 1983, all’età di 25 anni, aveva perso la vista a seguito di un incidente stradale in cui era stato coinvolto. Ma non perse, nemmeno allora la voglia di ripartire.Un anno trascorso tra recupero e corsi per ricostruirsi una vita professionale e quindi l’assunzione presso l’Azienda sanitaria, a Castelfranco Emilia, nel 1985 dove Delvaldo Casarini, per tutti Nini, ha lavorato sino a al 30 novembre prima di andare in pensione.

Dal giorno dell’assunzione – è lui stesso a ricordarlo – solo 15 giorni di malattia e soprattutto la gioia e il piacere di aiutare gli altri, rispondendo al telefono e dando informazioni per evitare di perdersi.

E in tanti colleghi dell’Ausl di Modena, oltre un centinaio, ieri sera, 30 novembre, hanno voluto dirgli grazie per la passione e per la professionalità con cui ha sempre lavorato accettando l’invito decisamente originale a partecipare ad una cena al buio assistiti da camerieri non vedenti. Anche in questo caso tutti si sono sentiti a proprio agio grazie alla simpatia e affabilità di Nini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In pensione "Nini", centralinista cieco dell'Ausl. I colleghi realizzano una festa speciale

ModenaToday è in caricamento