menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parmigiano Reggiano: 4 Madonne Caseificio incorpora La Famigliare di Correggio

Il caseificio modenese cresce ancora con una importante acquisizione: l'azienda reggiana produce ogni anno 6.500 forme. Aperti anche due nuovi punti vendita a Sassuolo e Bagno di Rubiera

Il 4 Madonne Caseificio dell'Emilia, che ha sede a Lesignana di Modena e aderisce a Confcooperative Modena, ha incorporato la latteria sociale La Famigliare di Correggio, cooperativa nata nel 1949, che oggi conta sei soci, lavora 33 mila quintali di latte l’anno, produce 6.500 forme di Parmigiano Reggiano e ha due punti vendita a Correggio e a Carpi. Il caseificio modenese aveva assunto la gestione operativa della latteria reggiana nei mesi scorsi e in questi giorni sta completando il processo di incorporazione e fusione.

Con questa operazione sale a 470 mila quintali la quantità di latte conferita annualmente dai soci e il 4 Madonne Caseificio dell'Emilia si conferma tra i primi produttori del comprensorio del Parmigiano Reggiano.

Fondato nel 1967 e presieduto dall’imprenditore agricolo Andrea Nascimbeni, il 4 Madonne Caseificio dell’Emilia associa una sessantina di aziende agricole, ha cinquanta dipendenti e produce 85 mila forme di Parmigiano Reggiano l’anno. La cooperativa conta sei caseifici (con relativi magazzini per la stagionatura) dislocati nelle province di Modena e Reggio Emilia. Oltre che a Lesignana, il formaggio viene prodotto o immagazzinato ad Arceto di Scandiano, Correggio, Monchio di Palagano, Montardone e Varana di Serramazzoni, dove nasce il Parmigiano Reggiano biologico e delle Vacche Rosse che, grazie all’ubicazione degli stabilimenti, può essere denominato “Prodotto di Montagna”.

Nelle settimane scorse la cooperativa ha aperto due nuovi punti vendita a Sassuolo e Bagno di Rubiera.

Nel terremoto del 29 maggio 2012 ha perso 18 mila forme e subito danni per 7,5 milioni di euro. Nell'aprile 2014 ha inaugurato i nuovi stabilimenti di Lesignana, per i quali ha investito sei milioni di euro. Per consolidare la struttura e valorizzare il prodotto, nel 2016 il 4 Madonne ha emesso un prestito obbligazionario da sei milioni di euro, garantito da forme di Parmigiano Reggiano e in gran parte già restituito.

Nel 2019 UniCredit ha sottoscritto un altro prestito obbligazionario da 4,080 milioni di euro, emesso dal 4 Madonne. L’operazione è servita in parte a rifinanziare l’attuale debito societario a breve e medio-lungo termine, in parte a sostenere il programma di investimenti del caseificio, che ha costruito un nuovo magazzino di stagionatura a Medolla che contiene 32 mila forme.

Il 4 Madonne è anche inserito nei circuiti del turismo enogastronomico. Nel 2019 il caseificio ha accolto oltre 20 mila turisti, in maggioranza stranieri, che hanno visitato le sale di lavorazione del latte e il magazzino per la stagionatura del Parmigiano Reggiano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la provincia di Modena sarà "zona rossa" da giovedì 4 marzo

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento