rotate-mobile
Economia

Negozi e supermercati chiusi nei giorni festivi, ritrovato l'accordo

Pur tra i malumori, arriva l'ok degli operatori alla richiesta del sindaco Muzzarelli di rispettare l'accordo del 2012. Ora si apre un tavolo confronto rispetto alle novità normative

In occasione della festa di sabato 1 novembre nel territorio del comune di Modena i negozi e i centri commerciali degli operatori che hanno aderito all’accordo di autoregolamentazione sottoscritto nel 2012 rimarranno chiusi. Lo stesso avverrà nelle altre festività previste nell’accordo, tra le quali, nei prossimi mesi, il 25 e il 26 dicembre e il 1 gennaio.

Due anni fa il protocollo era stato firmato da Mirco Dondi, delegato di Coop Estense; Pierluigi Covili legale rappresentante di NordiConad; i signori Aguzzi per Supermecati Sigma e Ecu; Ruben Gasparini per il Supermercato Di Meglio; Alberto Crepaldi per Ascom Confcommercio; Claudia Zagni per Cna; Pierpaolo Montorsi per Lapam Licom; Guido Sirri e Fulgenzio Brevini per Confesercenti.

All’incontro di oggi, lunedì 13 ottobre, convocato dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli, infatti, tutti gli operatori hanno confermato il rispetto dell’accordo, così come richiesto dallo stesso sindaco il quale ha annunciato l’avvio di un tavolo di confronto su questo tema, anche alla luce delle novità in discussione in Parlamento rispetto alla normativa nazionale che nel 2012 ha sostanzialmente liberalizzato il servizio al pubblico senza limiti di orario e giornate di apertura.

 “Un disegno di legge che modifica la normativa sulle aperture nei festivi è già stato approvato dalla Camera – spiega Muzzarelli – ma in ogni caso abbiamo l’esigenze di un approfondimento e di un confronto su come a Modena si organizza l’attività. Credo sia necessario, infatti, trovare un punto di equilibrio sociale tra le necessità degli operatori commerciali, il servizio al consumatore, i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori al riposo festivo, il diritto della comunità – conclude il sindaco – a veder riconosciuto il valore di alcune festività civili e religiose che sono parte della nostra tradizione e dei nostri valori”.

Tra i punti che potranno essere approfonditi al tavolo che si riunirà nelle prossime settimane c’è anche quello della valenza territoriale dell’accordo. Quello in vigore oggi, infatti, è limitato al territorio del comune di Modena, mentre da parte degli operatori è stata evidenziata l’esigenza di estenderlo all’area vasta allargando anche la base dei soggetti che assumono l’impegno a rispettarlo, vista la chiara possibilità per i potenziali clienti i spostarsi di pochi chilometri per trovare un concorrente aperto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negozi e supermercati chiusi nei giorni festivi, ritrovato l'accordo

ModenaToday è in caricamento