rotate-mobile
Economia

Acer Modena, approvato il bilancio di previsione

Via libera all'unanimità dalla Conferenza degli Enti: prevista, per l'anno in corso, la consegna di 45 alloggi a Modena e provincia

Un’azienda sempre più organizzata, flessibile e attenta agli obiettivi strategici definiti dai Comuni: questa l’impostazione di fondo dell’esercizio di previsione per il 2014, presentato dai vertici dell’azienda – il presidente Andrea Casagrande e il direttore Nadia Paltrinieri - e approvato all’unanimità questa mattina dalla Conferenza degli Enti riunita in Provincia. Rispetto al recente passato, restano vivi alcuni elementi di preoccupazione: “Il perdurare della crisi economica – ha sottolineato nella relazione introduttiva il presidente Casagrande -  fa prevedere, anche per il 2014 e per gli anni a venire, una situazione di grande sofferenza per i cittadini, le famiglie e le imprese”.

Tra le priorità d’intervento di ACER Modena per l’anno in corso ci sono il recupero o ricostruzione del patrimonio Erp danneggiato dal sisma: il 2014 per ACER sarà l’anno del completamento delle fasi progettuali per gli interventi di recupero di maggiore consistenza degli edifici danneggiati, delle gare di appalto e dell’affidamento dei lavori, nonché per le dettagliate rendicontazioni delle spese collegate al fine di utilizzare al meglio i finanziamenti concessi dalla Regione all’ACER con le ordinanze del 2013. Nel bilancio di previsione approvato, l’utile dell’azienda è quantificato 8.444 euro: il residuo attivo a credito dei Comuni per la gestione dei contratti di concessione è previsto in  3.893.360 euro mentre quello dei 3 Comuni in convenzione (Associazione del distretto della Ceramica) è pari a 480.270 euro:  complessivamente, quindi, la somma raggiunta è 4.373.630 euro.        

Tra gli obiettivi strategici illustrati in sede di presentazione di bilancio, le priorità restano quelle già portate avanti in questi anni con efficacia dall’azienda: l’attività di controllo per il mantenimento dei requisiti, il recupero crediti, le azioni di contrasto al disagio sociale e la gestione dei conflitti. Acer manterrà sul territorio con la gestione di 6 sportelli e proseguirà nella gestione dell’Agenzia per l’Affitto nel Comune di Castelfranco e per l’Unione Terre d’Argine: un’esperienza, quest’ultima, che si allargherà anche al Comune di Fiorano Modenese e a quelli dell’Area Nord. Nel corso del 2014 non si arresta poi l’attività edilizia dell’Azienda. Per l’anno in corso, si prevede di poter consegnare complessivamente 45 alloggi di nuova costruzione o recuperati: 12 alloggi a Pavullo, ultimati lo scorso anno, 18 a Fiorano Modenese e altri 16 a Modena.

“La sottoscrizione dell’Accordo Quadro e dei nuovi Contratti di Servizio – ha sottolineato in conclusione Casagrande - rappresenta occasione per dimostrare, con le professionalità sviluppate, di saper essere al passo coi tempi e di rappresentare per i Comuni una vera risorsa su cui fare affidamento. Acer è stata pensata e strutturata dalla riforma regionale come un vero e proprio braccio operativo degli enti locali, che può essere attivato per svolgere servizio per le politiche abitative in modo concreto e snello e crediamo ne abbia dato dimostrazione con l’attività svolta per l’emergenza terremoto sia nel campo del recupero edilizio che in quello del reperimento di alloggi sfitti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acer Modena, approvato il bilancio di previsione

ModenaToday è in caricamento