rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Economia

Distretto tessile in crisi profonda, annullata anche la fiera Moda Makers

Gli organizzatori spiegano che lo scenario internazionale del settore moda non garantisce sufficienti sbocchi commerciali, facendo venire meno il ritorno che le aziende si aspetterebbero da un evento fieristico

Voleva e doveva essere l'evento intorno ala quale rilanciare il distretto tessile carpigiano, ma alla fine ha dovuto alzare bandiera bianca. La fiera Moda Makers della primavera 2024 non si farà. Lo hanno comunicato gli organizzatori stessi: "ModenaFiere e la Camera di Commercio di Modena, in pieno accordo con il Carpi Fashion System, comunicano che è stato valutato come l’attuale congiuntura di mercato non sia tale da consentire di organizzare la prossima edizione di Moda Makers prevista per maggio 2024".

Si legge nella nota: "L’obiettivo che aveva portato all’accordo tra queste realtà era infatti quello di riuscire a offrire a espositori e visitatori un evento che potesse avere un positivo ritorno in termini commerciali e di contatti sviluppati, entrambi elementi che, purtroppo, la situazione di mercato che si è venuta a sviluppare negli anni successivi alla pandemia sembra avere reso estremamente incerti e di difficile raggiungimento". Dopo approfondite valutazioni, quindi, gli organizzatori hanno "dovuto purtroppo prendere atto di tali mutate condizioni, e hanno quindi ritenuto opportuno sospendere l’organizzazione della manifestazione fermo restando che, qualora la situazione stessa evolvesse in senso diverso e più positivo saranno comunque pronti a rivalutare tale decisione". 

La situazione di declino del distretto è nota a tutti da ormai molti anni e il mercato globale pare non offrire prospettive lusinghiere per questo settore, che ha fatto a fortuna di un territorio e che ancora oggi è vanto per il made in Italy. Ai fasti del passato e al lustro delle griffe suo palcoscenici internazionali, purtroppo, non corrisponde più oggi un tessuto produttivo capace di reggere il passo. 

Alla luce dell'annuncio di Moda Makers è intervenuto oggi anche il tavolo di Carpi Fashion System, il soggetto creato da Cna, Lapam-Confartigianato, Confindustria Emilia, Camera di Commercio di Modena, Fondazione CR Carpi e Comune di Carpi, Fondazione Democenter-SIPE e ForModena. "Al mutare dei tempi e delle condizioni, devono necessariamente cambiare le risposte, e per questo siamo al lavoro su nuove progettualità per sostenere le imprese del territorio nei percorsi di internazionalizzazione.  Siamo consapevoli – continuano i referenti – che la congiuntura molto complessa e lo tsunami del post-Covid hanno portato a una significativa trasformazione del Distretto, e questo ci impone una riflessione e un ripensamento rispetto alle modalità di supporto a tutte le piccole e medie imprese nel loro percorso di internazionalizzazione. Stiamo dunque approntando nuove strategie, più vicine e utili alle realtà produttive dell’area di Carpi, e più in linea con le esigenze dettate dalla congiuntura attuale.”

“Sottolineiamo con forza – concludono i rappresentanti del progetto – che le attività poste in essere da Carpi Fashion System sono molte. Tra momenti di formazione, istituzione di corsi didattici e laboratori in sinergia con gli istituti del territorio, promozione di progetti rivolti all’innovazione e alla sostenibilità, il ventaglio di iniziative a supporto delle aziende continua a essere davvero ampio.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distretto tessile in crisi profonda, annullata anche la fiera Moda Makers

ModenaToday è in caricamento