rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Economia

Occupazione a picco nelle imprese del commercio: -10,5% da inizio anno

Dalle oltre 1500 imprese monitorate sul territorio provinciale nel I° trimestre dell'anno emergono numeri allarmanti. Turismo e servizi sono i settori che hanno lasciato a casa più lavoratori, seguiti dal commercio alimentare

Anche Modena si adegua statisticamente al drammatico aumento della disoccupazione nel Paese. I numeri sono tali da far lanciare un grosso allarme e sono stati raccolti dal Centro Studi di Confesercenti Modena Osservatorio Lavoro. Nel periodo compreso tra gennaio e marzo di quest’anno, l’occupazione nelle oltre 1500 imprese monitorate dall’Osservatorio ha infatti segnato una flessione del -10,5% rispetto al 2012. Il quadro assume toni ancor più drammatici se alla diminuzione degli occupati viene associato il dato relativo alle ore di Cassa Integrazione, incrementate del 926%.

Risulta tra quelli in maggior sofferenza, il settore dei pubblici esercizi e del turismo. La diminuzione dell’occupazione, fortissima, si attesta su un preoccupante -17,6%. Un dato, già di per sé grave, a cui si accompagna l’aumento esponenziale delle ore di Cassa Integrazione, +2.000% rispetto al primo trimestre 2012.

Anche le micro e piccole imprese del commercio al dettaglio di alimentari segnano un calo degli occupati considerevole: -16,4%. A differenza dei pubblici esercizi, non si sono registrati aumenti di ore di cassa integrazione poiché le imprese di piccole e piccolissime dimensioni, negli ultimi mesi avevano assunto quasi esclusivamente personale con contratto a termine o di apprendistato che in molti casi era mera sostituzione di turn over.

Il commercio extra alimentare segna numeri meno negativi per gli occupati: -5,7%. Più pesante il dato relativo agli ammortizzatori sociali: se confrontate con i primi tre mesi del 2012, le ore di cassa integrazione hanno avuto un’impennata del.+835,00%
 
Il commercio all’ingrosso è l’unico comparto in cui si manifesta tra gli occupati una certa stabilità: -0,1%. In questo settore è in atto un processo di fusione e strutturazione delle imprese che, almeno parzialmente, riesce ad assorbire la disoccupazione causata dalla scomparsa di imprese più piccole.

Le cause concatenate e fuse tra loro che hanno determinato questi risultati  – tiene ad evidenziare Confesercenti Modena – sono da ricercarsi sicuramente nella crisi economica, ma sono anche effetto della Riforma del Lavoro e del sisma del 20 e 29 maggio scorso. Oggi, a quasi un anno dall’approvazione della Riforma del Lavoro, è necessario aprire una riflessione sugli effetti che le nuove norme stanno producendo sull’occupazione nelle piccole e medie imprese: minore flessibilità in entrata, eccesso di adempimenti burocratici, insufficienti incentivi per l’incremento dei livelli occupazionali. Elementi che stanno producendo effetti contrari rispetto agli obiettivi fissati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazione a picco nelle imprese del commercio: -10,5% da inizio anno

ModenaToday è in caricamento