rotate-mobile
Economia

Aziende agricole a rischio chiusura, il 75% di quelle modenesi senza un "successore"

Il tema molto delicato per il futuro dell'economia locale è stato discusso in concomitanza con la consegna del premio AgriManager 2024, che è andato al Caseificio Razionale Novese

I dati raccolti nel territorio dell’Emilia, una delle zone a maggiore produzione agricola in Italia, evidenziano come quasi il 75% degli imprenditori agricoli sopra i 50 anni non abbiano ancora trovato un successore a cui affidare l’attività. Il 50% degli intervistati over 50 ha dichiarato che probabilmente la propria azienda nel futuro sarà venduta, mentre il 40% sarà affittato. L’83% delle aziende senza successore non sta al momento neanche tentando di individuarlo, mentre al 62% non interessa individuarlo neanche in futuro.

Elaborando questi risultati sulla base dei dati del 7° Censimento generale dell’agricoltura – secondo Agri2000 Net – in Emilia-Romagna nei prossimi due decenni potrebbero chiudere appunto circa 30.000 imprese su un totale di circa 43.000 gestite da over 50 attualmente in attività. Il motivo principale che emerge dalle risposte dei produttori è la scarsa redditività dell’azienda che dissuade gli imprenditori dalla voglia di continuare a portare avanti l’impresa, anche se molti degli interpellati (70%), sostengono che l’elemento “passione” avvicina e spinge i giovani verso questa attività difficile, ma stimolante e ricca di opportunità.

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

Il progetto AgriManager

Giunto alla nona edizione, il progetto AgriManager 2024- promosso dalla società di servizi Agri2000 Net in partnership con Emil Banca - ha avuto come tema “Come gestire il passaggio generazionale?” con l’obiettivo di cercare risposte per le tante situazioni di crisi nel settore agricolo.

“Per evitare di chiudere l’azienda – ha detto il responsabile di progetto AgriManager Camillo Gardini –– è sempre più importante passare dalla mentalità di produttori a quella di imprenditori. Il progetto AgriManager è un percorso unico in Europa per far crescere le conoscenze degli imprenditori agricoli di territori ampi e definiti, per adottare cambiamenti radicali nei metodi di coltivazione con l’introduzione di nuove tecnologie per ridurre l’impiego di mezzi di produzione come concimi, agrofarmaci e biostimolanti e per ottimizzare l’utilizzo di acqua”.

Il Direttore Generale di Emil Banca Matteo Passini ha espresso “soddisfazione per un progetto come questo che aiuta a crescere l’imprenditorialità di chi gestisce le aziende del settore agroalimentare con innovazioni che vanno verso tecnologie 4.0 per ridurre i costi e aumentare la sostenibilità delle imprese”. Inoltre, ha sottolineato l’attenzione al settore agricolo posta dalla banca attraverso le attività di specialisti del settore in grado supportare la crescita delle imprese agricole del territorio.

La maggioranza delle aziende che hanno aderito al progetto (49%) è gestita da imprenditori compresi nella fascia di età tra i 41 e i 60 anni, il 14% ha meno di 40 anni, il restante 37% ha più di 60 anni. Gli indirizzi colturali prevalenti sono i seminativi, la frutticoltura, l’orticoltura, il vitivinicolo e la zootecnia. Al premio era associata anche la donazione di prodotti agroalimentari per un valore di mille euro alla Cooperativa Casa della Gioia e del Sole, ente del terzo settore del territorio.

La cooperativa sociale Casa della Gioia e del Sole di Modena (aderente a Confcooperative Terre d’Emilia) gestisce l’omonima casa residenza anziani fondata 37 anni fa da don Sergio Mantovani. Accreditata con la Regione Emilia-Romagna, è stata la prima struttura privata per anziani a convenzionarsi con il Comune di Modena per la gestione di una parte dei posti letto.

Il premio 2024

Il riscatto dell’azienda dopo il terremoto del 2012 e i conseguenti risultati raggiunti grazie al passaggio generazionale avvenuto con successo sono i fattori innovativi che hanno consentito al Caseificio Razionale Novese di Novi di Modena di aggiudicarsi per la provincia di Modena il premio AgriManager 2024, un premio assegnato all’impresa che ha saputo effettuare un passaggio generazionale con successo. La scelta è avvenuta al termine del progetto di crescita imprenditoriale che ha coinvolto 1.600 imprese delle province emiliane di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza.

Il premio è stato consegnato a Novi di Modena al presidente del Caseificio, Kristian Minelli, dal Direttore Generale di Emil Banca, Matteo Passini, e dal Responsabile di Progetto AgriManager, Camillo Gardini, in un incontro in cui sono intervenuti anche il presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, il presidente della Cooperativa Casa della Gioia e del Sole, Antonio Ferraguti, il presidente nazionale di Legacoop Agroalimentare, Cristian Maretti, il presidente di Legacoop Estense, Paolo Barbieri, il presidente di Confcooperative Terre d'Emilia, Matteo Caramaschi, e il sindaco di Novi di Modena, Enrico Diacci.

Si premia un’azienda con 70 anni di storia. Il terremoto del 2012 ha dato la spinta per l’avvio del ricambio generazionale che ha preso forma con interezza nel 2016 con il cambio della presidenza, management e governance. Ciò ha prodotto frutti rilevanti: raddoppio della capacità lavorativa, informatizzazione dei processi, investimenti per la sostenibilità e miglioramento delle condizioni di lavoro. La cooperativa à diventata il caseificio realizzato da soci agricoltori più grande del Consorzio del Parmigiano-Reggiano.

Kristian Minelli ha dichiarato: “è per noi un'immensa soddisfazione ricevere questo prestigioso riconoscimento, frutto del lavoro dei nostri associati, dipendenti e collaboratori, che ogni giorno contribuiscono alla crescita di una delle più importanti DOP a livello mondiale. La nostra cooperativa da sempre ha avuto come obiettivo quello di dare certezze e stabilità ai propri conferenti, con un approccio “razionale” dei costi, produzioni di elevata qualità e con una continua attenzione alla sostenibilità ambientale. Un particolare ringraziamento ad Agri2000 Net, Emilbanca e a tutti gli intervenuti che oggi hanno dato lustro al nostro lavoro". 

Alla consegna del premio sono stati presentati anche i risultati di un’indagine svolta da Agri2000 tra le 1.600 imprese emiliane che da Bologna a Piacenza hanno aderito al progetto.

Premiazione Caseificio Razionale Novese

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aziende agricole a rischio chiusura, il 75% di quelle modenesi senza un "successore"

ModenaToday è in caricamento