Una cordata guidata da Bonterre e Opas pronta a rilevare la Ferrarini Spa

Nuova offerta della corda guidata da due aziende modenesi per rilevare l'azienda reggiana in profonda crisi. Per i creditori pronti 50 milioni, con il sostegno di Intesa San Paolo e Unicredit

Una cordata formata dal Gruppo Bonterre – Grandi Salumifici Italiani (player modenese di riferimento del mercato italiano ed europeo dei salumi di qualità, formaggio Parmigiano-Reggiano, snack e di piatti pronti), O.P.A.S. (la più grande organizzazione di prodotto tra allevatori di suini in Italia, con base a Carpi), HP (società attiva nel sostegno e nell’innovazione dell’agrifood) si impegna formalmente ad acquisire e rilanciare la Ferrarini S.p.A., secondo la proposta di concordato concorrente che indica le suddette società quali “Partner Industriali” e che è stata depositata ieri da Intesa Sanpaolo e Unicredit presso il tribunale di Reggio Emilia, quali creditori legittimati.

La cordata, che si era fatti avanti già nei mesi scorsi, mette a disposizione dell’operazione non solo la propria capacità imprenditoriale nella realizzazione del Piano Industriale, ma anche un considerevole apporto di capitale, che dovrebbe consentire ai creditori Ferrarini di poter contare – congiuntamente al sostegno finanziario di Intesa – su oltre 50 milioni di euro certi e garantiti, nonché su un ulteriore apprezzabile earn out, basato sul successo del Piano.

Siamo confidenti che uno sforzo così significativo da parte delle nostre aziende – ha sottolineato Milo Pacchioni, presidente di Gruppo Bonterre, socio di controllo della cordata – ci permetta finalmente di completare rapidamente il cammino intrapreso già nel 2019 nell’ambito della procedura concordataria e valga a superare tutti gli ostacoli incontrati e quelli che ancora si dovessero frapporre: il settore dei salumi italiani dove noi operiamo, le tante competenze e i lavoratori di Ferrarini, i territori coinvolti meritano celerità, sicurezza e trasparenza, specie nell’ora in cui dobbiamo superare tutti insieme la grande incognita della pandemia.”.

La nostra offerta rappresenta non solo un approccio responsabile verso l’azienda e i creditori sociali – ha dichiarato Giuliano Carletti, Amministratore Delegato di Bonterre-Grandi Salumifici Italiani - ma la premessa per realizzare un piano industriale di successo per preservare e sviluppare un grande “brand” della salumeria italiana, sicuri che il marchio Ferrarini sarà al centro di importantissime sinergie industriali e commerciali con il nostro Gruppo.”.

Infine, Valerio Pozzi, Direttore Generale di OPAS ha evidenziato come la stessa “sia in grado di supportare adeguatamente l’approvvigionamento di suini nati, allevati e macellati in Italia come garanzia di qualità, grazie a filiere produttive disciplinate ben oltre i già elevati standard europei, con disciplinari volontari che valorizzano la sostenibilità ambientale e le esigenze di benessere animale richieste oggi dai consumatori.”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento