Due mesi senza nuove imprese, le registrazioni a Modena calano del 59,2%

Indagine Lapam sulla demografia delle imprese a Modena, che mostra come nel bimestre marzo-aprile, nel pieno dell'emergenza, si sia più che dimezzata l'apertura di nuove attività rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

“I flussi di natalità-mortalità delle imprese evidenziano gli effetti della crisi Covid-19: a marzo 2020 le iscrizioni a Modena scendono del 48,4% rispetto a marzo 2019 e ad aprile il calo arriva al 71,4%; nel complesso del bimestre in esame la riduzione è del 59,2%, al settimo posto assoluto in Italia e a fronte di una media in Emilia-Romagna del 49,1%. Modena, in questa classifica, è dietro alla sola Piacenza che con un calo complessivo del 65,2% è la prima provincia italiana in questa triste graduatoria”.

I dati sono stati elaborati dall’Ufficio Studi Lapam Confartigianato e confermano l’allarme riferito agli investimenti (che in regione per il 2020 è previsto in discesa per il 13,1%).

“In numeri assoluti – prosegue l’indagine Lapam – si registrano 235 iscrizioni a marzo e appena 116 ad aprile, un totale di 351 nuove iscrizioni a fronte delle 861 dello scorso anno (-510)”.

In calo anche le cessazioni, tanto che il dato complessivo sul bimestre è di un incremento di 65 imprese a fronte del +308 di dodici mesi fa.

“Sulle dinamiche demografiche d’impresa influiscono – fa sapere Lapam -, oltre ai fattori economici determinati dalla crisi Covid19, le limitazioni delle attività e dell’accesso agli sportelli del Registro imprese, la posticipata chiusura di imprese in vista di annunciati contributi per le perdite e le cessazioni d’ufficio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma è ancora più interessante andare a spulciare tra i settori per cogliere quali siano quelli maggiormente colpiti da questo calo di nuove iscrizioni. “Il dato più significativo e preoccupante – spiega Lapam – è quello relativo alle attività manifatturiere che a Modena tra marzo e aprile 2020 hanno registrato un calo di nuove iscrizioni del 73,5% rispetto al 2019. Il dato peggiore (-76,9%) è però nei servizi di informazione e comunicazione, mentre al terzo posto si pongono i servizi di alloggio e ristorazione, precipitati del 66,7%. Ancora – precisa l’associazione tramite l’Ufficio Studi – altre attività che sono calate nelle nuove iscrizioni a Modena e provincia di oltre il 50% sono le costruzioni (altro tasto molto dolente con un -63,2%), l’agricoltura giù del 60,4%, il commercio all’ingrosso e al dettaglio (anche qui un dato previsto ma molto negativo per il 56,8%) e le attività immobiliari, cadute del 56,3%”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento