Cgil Distretto di Vignola. Delegati fanno il punto sulla vertenza Castelfrigo

Si è tenuto stamattina a Castelnuovo Rangone l’attivo dei delegati Cgil del distretto di Vignola che ha visto la partecipazione di oltre 100 tra delegate e delegati dai luoghi di lavoro e attivisti del sindacato pensionati

Una mattinata dedicata al racconto e alla discussione sulla vertenza dei lavoratori delle false cooperative appaltatrici presenti all’interno del sito della Castelfrigo fino allo scorso anno.  L’obiettivo della mattinata è stato quello di raccontare alle delegate e ai delegati delle altre aziende del territorio, quanto avvenuto negli ultimi giorni dello scorso anno in particolare rispetto all’accordo separato e discriminatorio firmato dalla Fai/Cisl due giorni prima della firma dell’accordo unitario siglato da Cgil-Cisl-Uil regionali con la Regione Emilia Romagna, Confindustria Emilia Centro e ACI Emilia Romahna siglato il 29 dicembre scorso”. 

Ricordiamo che da oltre 100 giorni, circa 70 lavoratori sono in protesta permanente davanti all’azienda per denunciare le condizioni di lavoro all’interno del sito Castelfrigo – afferma Anna Paragliola, coordinatrice della Cgil di Vignola – un’azienda emblematica del distretto delle carni che fonda la sua ricchezza su un’organizzazione del lavoro basata sull’uso pervasivo di appalti a false cooperative e a finte società di manodopera. Un sistema che la Cgil di Modena e le sue categorie, denunciano da oltre 15 anni e che sta ponendo problemi sociali che vanno dallo sfruttamento del lavoro all’illegalità diffusa. Già all’inizio dello scorso mese di dicembre avevamo denunciato il costo sociale che questo tipo di vertenza porta con sé e avevamo chiesto alle Istituzioni di lavorare per mettere in campo tutti gli strumenti necessari per ripristinare una condizione di legalità e richiamare le Aziende committenti alle proprie responsabilità”. 

Un accordo, quest’ultimo, fortemente voluto anche dal Sindaco Paradisi di Castelnuovo Rangone che ha partecipato in mattinata ai lavori dell’Attivo Cgil. 
L’accordo del 29 dicembre – prosegue la coordinatrice della Cgil di Vignola - ha l’ambizione di prevedere la ridefinizione di un nuovo modello di sviluppo dell’intero distretto al fine di contrastare le cooperative spurie, la diffusa illegalità e irregolarità contributiva e fiscale, lo sfruttamento del lavoro, per ridefinire un modello produttivo che coniughi qualità dei prodotti con qualità del lavoro”. Un lavoro cominciato lo scorso 15 gennaio in Regione anche alla presenza di funzionari del Mise e del Ministero del Lavoro e che dovrà concretizzarsi attraverso un lavoro di forte e concreta collaborazione tra tutti gli altri soggetti firmatari del 29 dicembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’obiettivo dell’assemblea di oggi – continua Anna Paragliola – era quello di accrescere la conoscenza e la consapevolezza di tutti coloro che si riconoscono nella Cgil e nelle sue battaglie perché la lotta all’illegalità e ad un sistema che arricchisce i forti e impoverisce i deboli, passa anche attraverso un lavoro culturale e di corretta informazione. Ecco perché l’Attivo si è concluso con il mandato conferito alla Cgil di mettere in campo tutte le azioni necessarie per coinvolgere cittadine e cittadini del territorio in questa battaglia di civiltà e dignità”.  L’Attivo di stamattina ha infatti approvato all’unanimità l’Ordine del Giorno in solidarietà con i lavoratori Castelfrigo e di condanna delle recenti manifestazioni di stampo neo-fascista che si sono verificare in diverse parti della regione Emilia-Romagna (in allegato). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • L'ex Commissario Venturi si ricrede: "Il lockdown totale è stato un errore"

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento