rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Economia Castelfranco Emilia

Chiude l'Industria Casearia Pelloni, lavoratori al bivio

Tante incertezze per i dipendenti dell'azienda di Castelfranco, il cui stabilimento cesserà l'attività nel prossimo mese di marzo. Oggi presidio dei sindacati Cgil e Cisl che chiedono anche il pagamento degli stipendi arretrati

Si è svolto stamattina davanti ai cancelli aziendali il presidio dei lavoratori dell’Industria Casearia Pelloni Spa di Castelfranco Emilia per rivendicare le spettanze non pagate e garanzie sul futuro dello stabilimento. L’azienda in concordato preventivo da dicembre chiude infatti a marzo e i lavoratori sono attualmente in Cigs per un anno per cessazione di attività. 

Ad oggi non si è però ancora concretizzato il passaggio dell’azienda ad un altro soggetto imprenditoriale e i lavoratori hanno difficoltà ad ottenere le loro spettanze: l’anticipo della Cigs dalle banche, le retribuzione arretrate, le retribuzioni degli ultimi giorni lavorati ai fini della chiusura dell’attività. 

“Questa situazione di mancate retribuzioni e l’incertezza sul futuro – spiegano Stefania Notarile Flai/Cgil e Mario Zoin Fai/Cisl – sta diventando insostenibile per i lavoratori e le loro famiglie costretti ad indebitarsi per far fronte alle esigenze della vita quotidiana”. 

L’attività del caseificio è collegata ad un’importante filiera produttiva comprendente terre e allevamenti. “Un sistema di qualità, riconosciuto anche all’estero, che è necessario non disperdere” aggiungono i sindacalisti. Per i sindacati l’obbiettivo è quello di non veder cessare l’attività del caseificio sul territorio. Chiedono perciò che si concretizzino il più presto possibile le offerte di acquisto pervenute da vari soggetti imprenditoriali, al fine di garantire produzione e occupazione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude l'Industria Casearia Pelloni, lavoratori al bivio

ModenaToday è in caricamento