rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Economia Marzaglia

Bellentani (Cisl): "Nessuno tocchi i lavoratori Equitalia"

Il sindacalista dei bancari Cisl: "Sono obbligati ad adempiere alle disposizioni del datore di lavoro il quale è a sua volta tenuto ad applicare le norme e procedure finalizzate alla riscossione delle imposte"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

"Chi attacca Equitalia e i suoi lavoratori è matto o in malafede". Lo dice il sindacato Fiba-Cisl di Modena, che esprime solidarietà ai dipendenti Equitalia e si schiera al loro fianco dopo i ripetuti episodi di intimidazione e violenza accaduti in varie città italiane. Ricordiamo che tra Modena, Carpi e Pavullo sono 38 le persone che lavorano per la società, a capitale interamente pubblico, incaricata della riscossione nazionale dei tributi.

"In questo periodo i dipendenti di Equitalia sono ingiustamente messi sotto accusa – dichiara il segretario provinciale della Fiba-Cisl, Paolo Bellentani – Ci si dimentica che, anche e soprattutto perché lavoratori dipendenti, essi sono obbligati ad adempiere alle disposizioni del datore di lavoro il quale, svolgendo funzioni pubbliche assegnategli dalla legge, è a sua volta tenuto ad applicare le norme e procedure finalizzate alla riscossione delle imposte. Ciò che sta avvenendo da qualche tempo – continua Bellentani - è, a nostro avviso, molto grave e non può passare sotto silenzio. I lavoratori di Equitalia sappiano che non sono soli in questo frangente".

Il segretario dei bancari Cisl evidenzia come nell’attuale pesante clima sociale siano rare le voci a sostegno di lavoratori e lavoratrici che ogni giorno rischiano persino la sicurezza personale solo e semplicemente perché compiono il proprio dovere. "Nemmeno la politica, che avrebbe il compito di dare prospettiva al Paese, si assume le sue responsabilità con una presa di posizione decisa e scarica, invece, su Equitalia colpe non sue. Sappiamo bene - aggiunge Bellentani - che il patto fiscale tra Stato e cittadini è iniquo e aggravato da un peso ormai insopportabile, e così chi si trova in situazione di difficoltà è facile preda della disperazione. Occorre tuttavia affrontare i problemi alla radice; noi della Cisl da tempo rivendichiamo l’urgenza di una riforma fiscale che premi il lavoro, sia personale che d’impresa, e faccia pagare la finanza e i patrimoni". La Fiba modenese si rivolge poi agli “onesti in difficoltà”, esortandoli a cambiare insieme le leggi fiscali trovando nuovi equilibri e regole. Un forte invito è indirizzato anche ai dirigenti di Equitalia. "Si impegnino a evitare occasioni di conflitto assumendosi maggiore responsabilità e prevenendo – conclude il segretario della Fiba-Cisl – quelle situazioni rischiose che oggi i lavoratori di Equitalia si trovano ad affrontare quotidianamente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bellentani (Cisl): "Nessuno tocchi i lavoratori Equitalia"

ModenaToday è in caricamento