Tax Credit Pos, Confesercenti Modena: "Insufficiente per le imprese"

L'associazione interviene in merito al credito d'imposta per le commissioni pagate dalle imprese su carte e bancomat: "Per un'attività media corrisponde a un vantaggio fiscale di appena 429 euro all'anno, poco più di 35 euro al mese"

"Le simulazioni della nostra associazione di categoria parlano chiaro: per un negozio "medio" il beneficio fiscale della nuova Tax Credit Pos - ovvero il credito d'imposta per le commissioni pagate dalle imprese su carte e bancomat - non basta": commenta Marvj Rosselli, Direttore Provinciale Confesercenti.

"Si tratterebbe di appena poco più di 35 euro al mese - prosegue il Direttore di Confesercenti Modena - Una piccola cifra, che rischia di essere ulteriormente gravata dai costi burocratici necessari per accedere al Tax Credit, che possono arrivare fino a 200 euro l'anno".

Il beneficio fiscale vale il 30% delle commissioni per le transazioni mediante carte di credito o altri strumenti tracciabili, ed è riservato ai piccoli esercenti che non abbiano conseguito nel 2019 ricavi superiori a 400mila euro. Le stime di Confesercenti però evidenziano come in questa fascia, per un'attività "media" con 200mila euro di fatturato l'anno - di cui il 50% pagato con carte o bancomat - il credito sarebbe di appena 429 euro. Un mini-bonus certamente insufficiente a coprire i 1.430 euro di commissioni sui pagamenti elettronici sostenuti dall'attività. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' bene evidenziare - aggiunge Rosselli - che il meccanismo non tiene poi conto dei costi aggiuntivi legati all'installazione e all'utilizzo del Pos e della linea telefonica dedicata. Il vantaggio fiscale per gli esercenti rischia inoltre di essere reso vano dalle procedure burocratiche. Per accedere al credito d'imposta introdotto dal DL Fiscale a partire dal primo luglio di quest'anno è infatti necessario presentare ogni mese un modulo F24. Una procedura che va poi a caricarsi di un costo aggiuntivo di almeno 180-200 euro l'anno. La misura va corretta alzando la percentuale coperta dal beneficio e puntando a un abbassamento generale delle commissioni applicate a carte e bancomat, magari promuovendo nuovi sistemi di pagamento tecnologicamente più evoluti. Ma per sostenere al meglio le PMI è indispensabile azzerare costi e passaggi: il beneficio fiscale dovrebbe essere accreditato direttamente agli imprenditori come è stato fatto per il bonus a fondo perduto del DL Rilancio", conclude Marvj Rosselli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento