Consumi pasquali. Acquisti un po’ a rilento, si spera negli ultimi giorni

La tradizione continua a prevalere. C'è richiesta di verdura e frutta di stagione: bene le fragole. FIESA-Confesercenti: "Eventuali incrementi di vendite se ci saranno, avverranno all'ultimo"

Cosa ci sarà sulle tavole dei modenesi a Pasqua? Per quanti sceglieranno di restare a casa, in famiglia o tra amici, soprattutto verdura di stagione, ma anche frutta, e solo dopo la carne, che per l'appunto non ha raggiunto livelli di consumo elevati, senza dimenticarei i dolci tradizionali ovvero uova di cioccolato e la colomba. Ciò che è evidente è il mancato exploit delle vendite al momento, in quanto il trend è in linea con quello di ogni settimana, ma secondo gli intervistati, è previsto l'incremente verso fine settimana o all'ultimo, e già si aspettano che sarà lieve.

A finire sotto la lente una quarantina di esercizi tra ortofrutta, gastronomie, macellerie, forni e pasticcerie. A detta degli operatori quello che si profila è un pranzo pasquale leggero e primaverile. Le scelte dei consumatori al momento stanno cadendo su  asparagi, carciofi, patate novelle, oltre alle insalate a far da contorno a pranzi a base di carni o in qualche caso di pesce. C’è un buon incremento nella richiesta di frutti primaverili come le fragole, ma pure di meloni. Guardando alle carni, l’agnello resta tra prodotti i preferiti per la festività, soprattutto nelle macellerie specializzate, dove viene garantita la qualità delle carni e la provenienza da soli allevamenti italiani.

La domanda al momento è buona, anche se i consumi di questo alimento si concentrano soprattutto in questo periodo dell’anno – fa sapere FIESA Modena – Utile ricordare però che, sull’agnello pesa la politica di alcune insegne della GDO, che usa il prodotto come prezzo civetta e banalizza, svuotandola, la tradizione italiana, con produzioni che arrivano dai Paesi dell’Est Europa.” Altre carni scelte sempre per il periodo stando agli esercenti delle macellerie sono le carni bianche. In particolare: arrotolato di tacchino e polli disossati, conigli farciti e roast beff.
  
Vendite stabili per ora, anche per i dolci tradizionali della ricorrenza, specie quelli da forno artigianali. Come gli anni scorsi la domanda si concentrerà all’ultimo e le previsioni sono comunque quelle di una tenuta. Anche in questo settore si sconta al concorrenza al ribasso di alcune insegne della GDO che utilizza i prodotti della tradizione come prezzi civetta a scapito della qualità e artigianalità delle produzioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quella che si profila – chiosa FIESA Modena – è una Pasqua primaverile all’insegna del bel tempo, che offrirà i primi sentori dell’estate, e invoglierà tanti alla prima gita al mare dell’anno. Questo con ogni probabilità comporterà un andamento delle vendite stabile, mentre migliore si prevede quello a favore dei consumi fuori casa e della ristorazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Sforata quota 10mila positivi, con 800 nuovi casi. "Trend in diminuzione"

  • Produzione ferma per troppe malattie, l'azienda prepara la denuncia poi ritratta

  • Boato e lieve scossa di terremoto, epicentro a Cavezzo

  • Centri commerciali e negozi, in Emilia-Romagna sabato e domenica confermate le chiusure

  • Dalla “spesa di guerra” alla “spesa di conforto”, cambiano gli acquisti da quarantena

  • Record di nuovi casi positivi a Modena. Le vittime salgono di altre 11

Torna su
ModenaToday è in caricamento