rotate-mobile
Economia Sassuolo

Welfare aziendale, alla Marazzi un contratto innovativo

L’accordo siglato tra vertici aziendali e rappresentanze sindacali prevede interventi innovativi e all’avanguardia in termini di welfare aziendale, premi di risultato e flessibilità lavorativa

La Direzione della Marazzi, azienda leader mondiale nel design e produzione di piastrelle di ceramica per pavimenti e rivestimenti, Confindustria Ceramica e i rappresentanti delle sigle sindacali Filctem–CGIL, Femca–CISL, Uiltec–UIL con le RSU delle sedi interessate si sono riuniti oggi, presso la sede di Sassuolo di Confindustria Ceramica, per la firma del nuovo contratto integrativo aziendale.

L’accordo è stato raggiunto dopo un periodo di trattative che si sono contraddistinte per la totale condivisione delle parti sulla necessità, anche per il mantenimento della competitività dell’azienda, di un sempre maggiore coinvolgimento della forza lavoro. A tal fine l’intesa è stata trovata sulla base di una serie di importanti interventi in termini di benefici economici e welfare aziendale e di una flessibilità produttiva adeguata agli attuali contesti di mercato, interventi che hanno ottenuto il 95% di consensi favorevoli da parte dei lavoratori Marazzi.

Le novità più importanti riguardano l’organizzazione del lavoro e il premio di risultato, legato anche al welfare aziendale. Per valorizzare gli ultimi investimenti effettuati recentemente e attrarne di nuovi, l’accordo prevede che Direzione Aziendale e Rappresentanze Sindacali verifichino le necessità formative e la pianificazione delle ferie indirizzata a garantire flessibilità produttiva soprattutto nei mesi di alta stagionalità, oltre a schemi di orari di lavoro flessibili.

In una logica per cui il raggiungimento degli obiettivi di crescita della competitività dell’impresa deve presupporre benefici economici per i lavoratori dipendenti, viene definito un Premio di Risultato variabile strettamente collegato ad obiettivi concordati e a programmi condivisi e raggiungibili in termini di parametri produttivi, redditività aziendale e riduzione degli infortuni.

Oltre a questo ai lavoratori Marazzi viene attribuita la facoltà di destinare, con un evidente vantaggio economico, il 25% o il 50% del Premio di Risultato lordo ad un esteso programma di Welfare Aziendale che comprende contributi per la previdenza complementare, per il wellness, per l’educazione e l’istruzione oltre che per tutta una serie di servizi che saranno erogati ai lavoratori in possesso di una Marazzi Card da alcuni esercizi convenzionati (assicurazione, autolavaggio, autovetture, banca, farmacia, gommista, idraulico, libreria, ottico, palestre, piscine, profumeria, ristorazione, salute, servizi alla famiglia, supermercato, trasporti, utensileria, viaggi).

Viene poi introdotta dal contratto la cosiddetta “staffetta generazionale”: l’azienda offrirà ai quei lavoratori che nell’arco del triennio di vigenza contrattuale maturano i requisiti per accedere alla pensione l’opportunità di passare ad orario part-time fino alla cessazione del rapporto di lavoro, garantendo la copertura dei contributi previdenziali, per favorire l’ingresso di giovani in azienda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Welfare aziendale, alla Marazzi un contratto innovativo

ModenaToday è in caricamento