Venerdì, 17 Settembre 2021
Economia

Poste Italiane, nuovo contratto nazionale anche per mille lavoratori modenesi

È stato mantenuto l’intero impianto normativo del contratto precedente, integrato con nuove regole su part time e contratti a tempo determinato, ma anche con integrazioni salariali

Soddisfazione anche a Modena per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro del Gruppo Poste Italiane, firmato dai sindacati Slp Cisl, Slc Cgil, Uilposte Uil, Failp Cisal, Confsal Com e Fnc Ugl Com.ni. L’intesa copre il triennio 2021-2023. Sono interessati poco più di mille lavoratori modenesi, il 98% dei quali ha approvato l’ipotesi di accordo nel corso delle assemblee tenute nei giorni scorsi.

«Questo rinnovo contrattuale premia la nostra tenacia e senso di responsabilità – dichiara il segretario generale della Slp Cisl Emilia Centrale Francesco Balzano – Le nostre organizzazioni sindacali non hanno mai disatteso i principi di unitarietà di azione al fine di salvaguardare gli interessi collettivi di una categoria – i lavoratori postali – che non si è mai risparmiata, soprattutto negli ultimi difficili periodi».

Per la parte economica è stato concordato un emolumento di 1.700 euro da liquidare in un’unica soluzione con le competenze del mese di luglio. La cifra comprende 900 euro a titolo di vacanza contrattuale relativa all’anno 2020 e 800 euro quale anticipazione sui miglioramenti contrattuali relativi dell’anno 2021. È stato pattuito anche un incremento mensile di 110 euro, di cui 90 euro riversati sui minimi tabellari e 20 euro sui ticket restaurant.

È stato mantenuto l’intero impianto normativo del contratto precedente, integrato con nuove regole su part time e contratti a tempo determinato.

«Abbiamo introdotto il sostegno a politiche di stabilizzazione del lavoro precario e recepito gli accordi aziendali sullo smart working – aggiunge Balzano – Novità rilevanti riguardano le ferie (fruizione frazionata), trasferimenti (riduzione delle distanze per i trasferimenti involontari), festivi (migliorata la parte economica connessa alla doppia coincidenza).
Sono stati mantenuti inalterati i trattamenti previsti in caso di malattia, nonostante la volontà aziendale di revisione in peius del comporto e introduzione dell’istituto della carenza (non remunerazione dei primi tre giorni di malattia di ogni singolo evento). È stato incrementato il novero delle gravi patologie».

Il sindacalista dei postali cislini di Modena e Reggio Emilia sottolinea che è stato respinto il tentativo aziendale di mettere mano al codice disciplinare, scongiurando ulteriori irrigidimenti sul fronte dei controlli e del contenzioso.

«Sul fronte del welfare, infine, pur ribadendo l’indubbia validità del fondo sanitario, non è stato possibile perseguire l’obiettivo della rivalutazione dei piani sanitari vigenti in virtù – conclude Francesco Balzano, segretario generale Slp Cisl Emilia Centrale - della scelta condivisa di riversare sui minimi tabellari la quasi totalità degli incrementi salariali».  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste Italiane, nuovo contratto nazionale anche per mille lavoratori modenesi

ModenaToday è in caricamento