rotate-mobile
Economia Mirandola

Imprese terremotate, dalla Provincia i primi contributi per le nuove sedi

Arrivano le liquidazioni alle prime 77 imprese che hanno trasferito la loro sede dopo i danni del sisma. In coda ancora 700 imprenditori, che attendono l'ok di Provincia e Regione

Finalmente i primi contributi per le imprese colpite dal sisma. La Provincia di Modena ha infatti iniziato la liquidazione del contributo assegnato per sostenere il trasferimento dell'attività economica in una nuova sede, sempre all'interno del territorio comunale. A beneficiare dei finanziamenti sono per ora 77 imprese del commercio, servizi e artigianato dei Comuni colpiti dal sisma, sulle 192 che hanno presentato la rendicontazione da gennaio. La maggior parte, 27, si trova a Mirandola (qualcuna all'interno del centro Al Borgo), mentre 16 sono a Concordia. Il totale finora pagato ammonta a 755.478 euro, mentre saranno liquidate nei prossimi giorni le altre 115 domande, rendicontate per la maggior parte in marzo e per le quali si è in attesa del Documento di regolarità contributiva.

Il finanziamento è affidato ad un bando regionale nell'ambito del Por-Fesr e richiede un procedimento burocratico lungo e stringente. Su un totale di 1242 domande inoltrate (in tre chiamate dello stesso bando), solo 778 hanno ricevuto l'approvazione, di cui ben il 78% sono imprese della provincia di Modena.  Mentre chiudeva la procedura per la terza chiamata del bando, la Provincia ha iniziato a liquidare i contributi concessi nelle prime due aperture alle imprese che hanno presentato il rendiconto delle spese effettuate. Il contributo infatti non è forfettario ma variabile sulla base del progetto presentato e ammesso, e delle spese effettivamente sostenute, per l'80 per cento della spesa rendicontata fino a un massimo di 15 mila euro.

 “Per far partire l'iter di liquidazione e di pagamento del contributo - spiega Daniela Sirotti Mattioli, assessore provinciale alle Politiche per l'economia locale - è necessario che l'imprenditore presenti la rendicontazione delle spese sostenute, coerenti con il progetto ammesso, seguendo le indicazioni fornite dalla Provincia al momento della concessione del contributo. Ci rendiamo conto che la procedura, imposta dalle regole europee, può essere complessa e per questo, insieme alla Regione, abbiamo cercato di semplificarla il più possibile e ci stiamo impegnando per far procedere velocemente le liquidazioni, per esempio anticipando la richiesta del Durc per ridurre i tempi di attesa, avendo ben presenti le difficoltà delle imprese colpite dal sisma”.

Parallelamente al bando per i privati la Provincia, gestisce anche i fondi Por Fesr per l'allestimento da parte di sei Comuni (Finale Emilia, Novi, Concordia, San Possidonio, San Prospero, Carpi) di 14 aree, complete di opere di urbanizzazione, per l'insediamento delle attività commerciali e di servizio trasferite a seguito dei danni del sisma.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprese terremotate, dalla Provincia i primi contributi per le nuove sedi

ModenaToday è in caricamento