rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Economia Concordia sulla Secchia

Batea, la coop di Concordia festeggia i 65 anni all'Expo di Milano

La cooperativa edile è impegnata in uno dei cantieri per Expo 2015 e festeggia il 65esimo anno di fondazione. Il Presidente Leonardo Luppi: "Il lavoro non manca"

La cooperativa Batea di Concordia compie domani 65 anni, essendo stata costituita il 20 agosto 1949. Più che la ricorrenza, la cooperativa festeggia il lavoro che non manca. «A dispetto della crisi dell'edilizia abbiamo un andamento soddisfacente - conferma Leonardo Luppi, presidente della Batea dal 2005 - Lavoriamo prevalentemente con gli enti pubblici (Comuni, Provincia e Aipo) e, nonostante un calo degli appalti, non abbiamo subito flessioni».

Aderente a Confcooperative Modena, per 40 anni la Batea – acronimo di “braccianti, agricoli, terrazzieri, edili e affini” - ha svolto la sua attività attorno ai fiumi, prevalentemente Secchia, Panaro e Po. La cooperativa era specializzata, infatti, in lavori fluviali e difesa del suolo, cioè protezione delle arginature, rialzi, ringrossi, movimenti di terra nei bacini ecc. All'inizio degli anni Novanta la Batea ha cominciato a realizzare anche attività infrastrutturali, urbanizzazioni primarie e secondarie, condotte, fognature. Nel 2000 ha ottenuto la certificazione di qualità Iso 9001 per i lavori fluviali e le opere infrastrutturali in genere.

Oggi la cooperativa concordiese lavora in tutto il Nord Italia. L'anno scorso Batea ha vinto l'appalto per i lavori di ricostruzione del canale Villoresi, uno dei canali artificiali più lunghi d'Italia. Servirà per approvvigionare di acqua la piastra che ospiterà l'esposizione; si tratta di un'opera imponente che sarà pronta entro la fine dell'anno e che dopo l'Expo sarà utilizzata dai consorzi di bonifica per l'irrigazione. In questo periodo la Batea è impegnata anche a Reggio Emilia nella ristrutturazione della pavimentazione esterna dei padiglioni dell'università che si trovano nell'area dell'ex ospedale psichiatrico S. Lazzaro. La cooperativa, che oggi ha quindici soci, trenta dipendenti e un fatturato annuo di cinque milioni di euro, costruisce anche edilizia privata residenziale e ultimamente si è lanciata nel settore dei rifiuti. «Abbiamo costruito già alcune discariche e ne stiamo ristrutturando un paio per Hera. Di recente, inoltre, – conclude Luppi – sempre da Hera abbiamo acquisito i lavori per la messa in sicurezza e chiusura della discarica di Ravenna»

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Batea, la coop di Concordia festeggia i 65 anni all'Expo di Milano

ModenaToday è in caricamento