menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La cooperativa Savignano 2030

La cooperativa Savignano 2030

Negli ultimi due anni nate cinque Cooperative di comunità in provincia di Modena

Fanano, Finale Emilia, Frassinoro, Pavullo e Savignano ospitano queste interessanti esperienze aderenti a Confcooperative

Crescono anche a Modena le cooperative di comunità, cioè imprese costituite da persone che vivono nello stesso territorio e decidono di avviare attività economiche non solo per fare profitti, ma per creare occasioni di lavoro e migliorare il benessere collettivo. Negli ultimi due anni in provincia di Modena ne sono nate cinque che aderiscono a Confcooperative. 

«Le cooperative di comunità rappresentano la nuova frontiera dell’imprenditoria che crea occupazione e redistribuisce ricchezza nei territori dove nessuno vuole più investire.  Per questo è un modello che incoraggiamo e sosteniamo, sia nella fase di start up che nell’accompagnamento alla crescita – dichiara il presidente di Confcooperative Modena Carlo Piccinini – Queste imprese di cittadini che si auto-organizzano nascono soprattutto nelle aree più periferiche per salvaguardare le reti sociali ed economiche». 

Tra le cooperative di comunità la meno giovane è Ortika, nata il 28 maggio 2019 a Fanano per coltivare piantine di ortica, realizzare capi di abbigliamento in fibra di ortica, trasformare gli scarti in tisane e integratori per mangimi zootecnici. 

La cooperativa di comunità Savignano 2030, costituita il 19 luglio 2019 da nove soci (tra i quali l’ex sindaco di Savignano Germano Caroli), ha vinto due anni fa il primo premio di Imprendocoop, il progetto di Confcooperative Modena che favorisce l’occupazione e l’imprenditorialità; svolge diverse attività, dall’agricoltura sociale alla gestione di un agriturismo. 

È nata a Pavullo, invece, la cooperativa di comunità I custodi del Frignano, costituita il 5 agosto 2019 da nove soci per la produzione di ortaggi, manutenzione del verde, spalatura neve, custodia parcheggi e noleggio di e-bike. 

Sempre nel 2019 tre finalesi hanno creato perCorsi, una cooperativa di comunità per la ristrutturazione, riapertura e gestione del cinema Corso di Finale Emilia; il progetto prevede una sala polifunzionale, una caffetteria, l’organizzazione di rassegne, festival, concerti, spettacoli, mostre, conferenze e dibattiti. 

Si trova in montagna, per l’esattezza a Frassinoro, anche la più giovane delle cooperative di comunità aderenti a Confcooperative Modena. Si chiama Le aie ed è stata costituita a fine 2020 da cinque soci con attività professionali indipendenti, ma fortemente legati al territorio; scopo della cooperativa è coltivare e commercializzare prodotti tipici, svolgere attività turistiche, organizzare eventi legati alla cultura e tradizioni della montagna. 

«Pensiamo che entro fine 2021 nasceranno nuove cooperative di comunità, soprattutto nel nostro Appennino dove – conclude il presidente di Confcooperative Modena Carlo Piccinini – si avverte l’esigenza di frenare lo spopolamento dei paesi valorizzando le persone e recuperando la forte coesione sociale che ha sempre caratterizzato questi territori».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento