rotate-mobile
Economia Vignola

Ciliegia di Vignola, pubblicato il nuovo disciplinare IGP

Inserite nuove varietà nel documento proposto dal Consorzio che ha ottenuto il via libera europeo. Muzzarelli: "Opportunità per i nostri produttori di qualità"

«Il nuovo disciplinare della ciliegia di Vignola Igp, approvato dalla Commissione, consente di ampliare l'offerta dei nostri prodotti di qualità garantendo nuove opportunità ai produttori modenesi. Ci siamo battuti da tempo per ottenere questo risultato che finalmente è arrivato». E' il commento di Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia di Modena, alla notizia della pubblicazione della modifica del disciplinare della ciliegia Igp.

Tra le modifiche principali, proposte dal Consorzio di tutela della Ciliegia Igp di Vignola, costituito nel 2013 a seguito, appunto, del riconoscimento del marchio Igp, spicca l'inserimento di nuove varietà, spesso le più "giovani", cioè coltivate da meno anni, che però rappresentano circa il 50 per cento della produzione totale del comprensorio e sono di ottima qualità come le ciliegie certificate Igp, coltivate nello stesso modo e dagli stessi produttori. 

Muzzarelli conferma, inoltre, che la Provincia insieme al Consorzio è impegnata a sensibilizzare le imprese già iscritte affinché aggiornino il loro catasto con le varietà da marchiare e far conoscere alle aziende non iscritte le opportunità offerte dal nuovo disciplinare. Tra le altre modifiche figura anche l'inserimento di nuove forme di coltivazione, l'aumento della densità per ettaro, il superamento della definizione rigida dei formati e alcune norme sull'etichettatura. 

Nel 2014 hanno aderito all'Igp oltre 520 aziende di cui 464 produttori semplici, 48 produttori e confezionatori e 14 centri di confezionamento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciliegia di Vignola, pubblicato il nuovo disciplinare IGP

ModenaToday è in caricamento