rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Economia

L'Emilia-Romagna porta a Vinitaly oltre 500 etichette in degustazione

Il meglio dell'enologia made in Emilia-Romagna in passerella dal 15 al 18 aprile a Vinitaly. A Verona 200 le cantine e i consorzi ospiti del padiglione di Enoteca regionale

Oltre 500 etichette in degustazione, 200 cantine ospiti tra singole aziende e consorzi di produttori, 7 banchi di assaggio, 20 sommelier per dare consigli e suggerimenti agli avventori, 1 ristorante con menu legato al territorio per il miglior abbinamento cibo/vino. E poi un fitto calendario di appuntamenti, tra convegni, incontri di lavoro e presentazioni varie, con l’obiettivo di promuovere il patrimonio vitivinicolo regionale, assieme alla cultura e alle tradizioni legate al territorio.

Il tutto all’interno del padiglione 1 di 4.000 metri quadrati, con allestimenti e veste grafica completamente rinnovati all’insegna della rigenerazione, anzi della ‘REgeneration’, come recita lo slogan coniato per l’occasione. Motto che accompagnerà per tutto l’anno le iniziative promozionali di Enoteca regionale Emilia-Romagna in giro per il mondo.  

Anche quest’anno il meglio dell’enologia emiliano-romagnola sarà protagonista al 52^ Vinitaly, uno dei più importanti saloni internazionali di settore, in programma a Verona dal 15 al 18 aprile prossimi. Le cantine presenti, le novità e gli eventi che animeranno lo spazio espositivo gestito dall’ente che ha il compito di valorizzare i vini regionali sono stati presentati in una conferenza stampa a Bologna, con la partecipazione dell’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, del presidente e del direttore di Enoteca regionale, rispettivamente Pierluigi Sciolette e Ambrogio Manzi e del presidente di Unioncamere Emilia-Romagna, Alberto Zambianchi.

Tutte le info sull'evento veronese

“I nostri vini– sottolinea l’assessore Caselli- sono sempre più apprezzati sia in Italia, che all’estero, grazie all’impegno e alla professionalità degli imprenditori. Siamo fortemente impegnati per migliorare l’immagine presso i consumatori delle nostre produzioni, che hanno ben poco da invidiare sotto il profilo qualitativo alle più blasonate etichette nazionali. Stiamo accelerando sulla promozione, con particolare attenzione ai mercati emergenti del sud asiatico, in testa Cina e Giappone, senza dimenticare Russia, Canada e Usa, che resta il principale mercato di sbocco per il made in Italy. Anche quest’anno- prosegue l’assessore- metteremo a disposizione delle imprese circa 25,7 milioni di euro dell’Ocm vino sotto forma di contributi alle imprese per investimenti, azioni promozionali all’estero, riconversione e ristrutturazione dei vigneti, più 600.000 euro di finanziamenti regionali. Altri 2,6 milioni del Psr 2014-2020 sono stati poi destinati ai Goi, partnership tra aziende agricole e enti di ricerca per dare una spinta ai progetti di innovazione, in particolare in tema di salvaguardia della biodiversità, tecniche di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici e sostenibilità delle produzioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Emilia-Romagna porta a Vinitaly oltre 500 etichette in degustazione

ModenaToday è in caricamento