Economia

Export modenese vola al 7%, siamo la prima realtà imprenditoriale Regione

Cresce il quantitativo di prodotti modenesi esportati superando di gran lunga le altre province della Regione. La stessa Emilia-Romagna si aggiudica il terzo posto per crescita delle Piccole e Medie Imprese nell'export

Anche nel 2015 le piccole imprese sono in pole position nella corsa del made in Italy sui mercati internazionali". E' così che Lapam annuncia il dato positivo delle PMI nell'export, legato anche alla presenta in Italia oggi dell'Expo. Modena vola al +7,1% dell'esportazioni rispetto allo stesso periodo 2014. Dall'Italia    sono volati nel mondo prodotti per un valore di 25,8 miliardi di euro (pari al 27,2% del totale del nostro export manifatturiero), e il dato modenese supera di gran lunga la media nazionale data al +4,1% rispetto allo stesso periodo del 2014. 

L'ITALIA TORNA A CRESCERE GRAZIE ALLE ESPORTAZIONI. Il Segretario generale di Lapam Confartigianato Carlo Alberto Rossi sottolinea: "Complessivamente, tra marzo 2014 e marzo 2015, i prodotti esportati dalle micro e piccole imprese valgono 102,4 miliardi, pari al 6,2% del Pil. Con questi numeri Modena conferma di essere un territorio a fortissima vocazione all'export, a partire proprio dalle piccole imprese, vere e proprie ambasciatrici dell’alta qualità made in Italy e componente fondamentale dell’economia".

EMILIA-ROMAGNA TERZA REGIONE PIU' IN CRESCITA D'ITALIA. A tenere alta la bandiera made in Italy nel mondo sono soprattutto i prodotti alimentari che mostrano un aumento del 5,9% del valore delle esportazioni. Bene anche i settori dei mobili (+5,6%) e dei prodotti in metallo (+4,3%). Secondo il rapporto di Confartigianato Lapam, al vertice della classifica regionale per l’aumento, nel primo trimestre 2015, di esportazioni di prodotti realizzati dalle piccole imprese si colloca il Veneto con una crescita del 7% seguito dal Piemonte, che registra un incremento del 6,7%, e proprio dall’Emilia Romagna che fa segnare un +5,2%, con Modena prima realtà della regione con il suo +7,1% seguita da Parma (+3,6%), Forlì-Cesena (+3,1%), Bologna (+2,2%) e Reggio Emilia (+1,4%).

CRESCE L'EXPORT VERSO COREA DEL SUD, CINA, USA ED EUROPA. Ad apprezzare sempre di più i prodotti delle nostre piccole imprese è la Corea del Sud dove l’export è cresciuto del 24,4%, seguita da Cina (+19,7%), Stati Uniti (+18,3%), Hong Kong (+11,5%), Regno Unito (+9,0%), Spagna (+8%), Svizzera (+7,8%), Polonia (+5,8%). All’opposto ha registrato un vero e proprio crollo l’export delle nostre piccole imprese verso la Russia, diminuito del 34,6%.

IL PROBLEMA DELLE SANZIONI CONTRO LA RUSSIA. Confartigianato Lapam ha calcolato che, senza il calo di vendite in Russia, l’export complessivo delle micro e piccole imprese italiane avrebbe registrato un tasso di crescita del 5,4%, di 1,3 punti superiore al 4,1% effettivo. In particolare la caduta delle vendite sul mercato russo vale ben 2,1 punti in Emilia Romagna e una cifra ancora superiore (stimabile in 3 punti percentuali) proprio per l'export delle Pmi modenesi che senza questa penalizzazione sarebbe cresciuto di oltre 10 punti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Export modenese vola al 7%, siamo la prima realtà imprenditoriale Regione

ModenaToday è in caricamento