rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia

Fatturato record per l'Acetaia Giusti, lo scorso anno 10,8 milioni

Crescita importante dopo la battuta d'arresto globale del 2020. Esportazioni in 60 paesi diversi

I numeri sorridono alal storica Acetaia Giusti, che registra dato record del +35% rispetto al 2020, 'annus horribilis' per l'enogastronomia italiana, durante il quale l'azienda ha chiuso con una flessione contenuta del 4%, dopo anni di crescita costante. La più antica acetaia del mondo, fondata a Modena nel 1605 e tuttora in mano alla storica famiglia giunta con l'ad Claudio Stefani Giusti alla sua 17ma generazione, presenta i risultati 2021: fatturato record di 10,8 mln che fa segnare un incremento del 35% rispetto al 2020 e una crescita sui mercati esteri che ad oggi rappresentano il 65% del volume d'affari aziendale con un export che raggiunge 60 paesi nel mondo.

A decretare il successo dell'internazionalizzazione aziendale un'attenta strategia differenziata area per area con un incremento del personale dedicato sia in Italia sia nelle nuove filiali aperte all'estero. A questo l'azienda aggiunge un grande investimento in termini di diffusione della cultura dell'Aceto Balsamico di Modena come ingrediente capace di valorizzare e impreziosire qualsiasi piatto. Dopo che, nel 2020, Acetaia Giusti si è concentrata sull'apertura di filiali estere ritenute strategiche per l'espansione aziendale in Germania (Monaco) e a Hong Kong, oltre alle già presenti di New York e Seul, il 2021 ha visto l'apertura di un flagship store a Milano, la Bottega Giusti di via Spadari. Dopo aver inaugurato lo store nel mese di dicembre, l'azienda già si prepara alla nuova apertura della terza Bottega Giusti, quella di Bologna, prevista per la primavera 2022.

Tra i progetti 2021 l'azienda ha messo a punto, inoltre, un importante piano di rinnovamento dello stabilimento produttivo di Modena, che vedrà la realizzazione di un nuovo complesso di circa 3.000 mq adibiti ad acetaia, magazzino e uffici e un ulteriore spazio di 1.000 mq collocato nei pressi del Museo Giusti e pensato per aumentare il deposito di botti visitabili. Completamente progettato in un'ottica di sostenibilità ed efficienza, lo stabilimento diventerà uno dei fiori all'occhiello per l'intera area produttiva modenese. Un investimento strategico, che prevede l'impegno di 6 mln di euro, attraverso il quale Acetaia Giusti mira alla crescita e al miglioramento dello sviluppo aziendale, ma anche a un incremento del benessere dei propri dipendenti, che potranno beneficiare di spazi verdi e aree ricreative. Una volta realizzato, il nuovo stabilimento porterà inoltre una ricaduta positiva legata alla creazione di nuovi posti di lavoro e di nuove opportunità per tutto il territorio circostante.

"Siamo davvero soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2021 che hanno premiato le scelte aziendali fatte. Dopo un 2020 di grande difficoltà generale, specialmente per i nostri clienti e amici dell'ospitalità, il ritorno alla crescita è un segnale che ci dona ancora più slancio per continuare a perseguire nuovi progetti e posizionare in alto i nostri prodotti. Continueremo instancabilmente a diffondere con passione il nostro storytelling attraverso le nuove Botteghe Giusti, una delle quali vedrà presto l'apertura a Bologna, i nostri partner rivenditori e i canali online, oltre al Museo Giusti di Modena, luogo simbolo della nostra storia", dichiara l'ad Claudio Stefani Giusti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatturato record per l'Acetaia Giusti, lo scorso anno 10,8 milioni

ModenaToday è in caricamento