rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Economia Maranello

Ferrari bussa a Wall Street, presentata la documentazione

Fiat Chrysler Automobiles ha dato il via alle danze per la quotazione di Ferrari alla borsa newyorkese. L'offerta non supererà il 10% delle azioni ordinarie. La residenza fiscale resterà a aMaranello

Il Cavallino Rampante si affaccia oggi sul mercato azionario di Wall Street, con la prima richiesta di ammissione nel listino delle società quotate della borsa amercana. Fiat Chrysler Automobiles (Fca), attraverso la sua controllata New Business Netherlands N.V., ha infatti depositato oggi il Registration Statement Form, ovvero il documento che riporta l'offerta di azioni ordinarie della Ferrari, detenute appunto da Fca.

E' il primo passo richiesto dalla Securities Exchange Commission (Sec) per le società straniere che intendono debuttare sul mercato azionario statunitense. Nel caso di Ferrari la quota di azioni messe sul mercato riguarda il 10% di quelle ordinarie ed è il preludio alla vera e propria ammissione alla Borsa di Wall Street.

Netherlands N.V è la società destinata a trasformarsi in “Ferrari N.V.” per l'operazione di domiciliazione in Olanda annunciata nei giorni scorsi da Sergio Marchionne e che tanto sta facendo discutere la politica locale. Tuttavia, Ferrari ha confermato anche con questa operazione che la sede fiscale resterà a Maranello e quindi le tassere verranno versate nelle casse dell'Erario itaiano.

All'operazione di quotazione hanno preso parte anche Ubs, BofA e Santander in qualità di joint bookrunners, mentre Ubs riveste il ruolo di global coordinator.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrari bussa a Wall Street, presentata la documentazione

ModenaToday è in caricamento