rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Economia Sant'Agostino / Via Emilia Centro

Dalla Fondazione Crmo 19 milioni di euro per il territorio

Una cifra importante stanziata rispettivamente per attività di rilevanza sociale a cui spetterà il 42% di risorse; 37% per arte e cultura, 21% per la ricerca scientifica e tecnologica

E’ pari a 19 milioni di euro la somma che nel 2013 la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena erogherà a favore del territorio. Una cifra importante stanziata rispettivamente per: attività di rilevanza sociale a cui spetterà la quota maggiore di risorse, il 42%; arte e cultura, 37% e il restante 21% sarà a favore della ricerca scientifica e tecnologica.

E’ quanto emerge dal documento previsionale per il 2013 approvato di recente dal Consiglio d’Indirizzo della Fondazione. In soldoni alle attività di rilevanza sociale andranno oltre 7 milioni e mezzo di euro; all’arte e alla cultura saranno destinati 6 milioni e 700 mila euro; 3 milioni e 800 mila euro andranno a finanziare la ricerca scientifica e tecnologica.

“La crisi in corso – dice il Presidente Andrea Landi – esige dalla Fondazione un particolare impegno per il rafforzamento della solidarietà e della coesione sociale attraverso azioni incisive volte a rispondere alle emergenze e a contrastare il disagio. Su questo tema la Fondazione intende individuare le modalità più efficaci per raccogliere le esigenze del territorio, acuite dalla crisi e dalla scarsità generale delle risorse destinate al sostegno del welfare”.

Particolare attenzione sarà riservata al mondo giovanile per favorire la socializzazione, l’attività aggregativa, la formazione e l’inserimento nel mondo del lavoro. “Anche per il 2013 la Fondazione pubblicherà bandi per la formazione, l’integrazione e la prevenzione dell’abbandono scolastico (Bando scuola); per la diffusione della pratica sportiva come strumento di integrazione sociale (Bando sport); per la promozione dell’integrazione sociale e delle politiche di accoglienza dei cittadini extracomunitari (Bando integrazione multiculturale); per il miglioramento dei servizi di trasporto sociale e d’emergenza; per lo sviluppo di percorsi formativi post- diploma indirizzati all’internazionalizzazione, all’educazione tecnico-linguistica e all’inserimento lavorativo.

Di primaria importanza continuerà ad essere il rapporto con il mondo del volontariato, punto di riferimento fondamentale per qualsiasi azione di solidarietà e di rafforzamento della coesione sociale. Un impegno che si concretizza, per il 2013, nell’accantonamento di oltre 800 mila euro nel Fondo Volontariato”. E ancora massima attenzione anche alla conservazione del patrimonio artistico e monumentale e alla formazione dei giovani per favorirne l’inserimento nel mondo della ricerca e del lavoro.


Nel Piano Triennale d’Intervento 2013-2015 naturalmente anche interventi per l’emergenza terremoto. La Fondazione è intervenuta a sostegno delle istituzioni e delle associazioni nel momento dell’emergenza; ha stanziato 6 milioni di euro per la ricostruzione degli edifici scolastici; ha promosso la costituzione di un Fondo nazionale delle Fondazioni bancarie che ha raccolto 5 milioni e mezzo di euro da destinare alla ricostruzione (il 45 per cento delle risorse sono andate al nostro territorio).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Fondazione Crmo 19 milioni di euro per il territorio

ModenaToday è in caricamento