rotate-mobile
Economia San Felice sul Panaro

Ricostruzione, fondi a 270 piccole imprese per una nuova sede

Nuova tranche del bando nuove localizzazioni del commercio. Intano a San Felice nasce una nuova galleria “prefabbricata” per i piccoli negozi del centro, che si aggiunge a quelle di Mirandola e Cavezzo

Il lento processo di ricostruzione, che per il piccolo commercio risulta ancora più problematico che per la medio-grande industria, fa segnare un passo significativo nel comune di San Felice sul Panaro. Sabato 29 giugno inaugura infatti, insieme alla nuova sede del Municipio, “Ri-commerciamo”, struttura prefabbricata che ospita una ventina di esercizi commerciali che si sono uniti in consorzio per ripartire insieme a un anno dal terremoto.

Sono tre, oltre a “Ri-commerciamo”, i centri commerciali costituiti dai piccoli negozi dei centri storici dei Comuni colpiti dal sisma ricollocati: due a Mirandola, il Borgo e il Centro in galleria, per un totale di 46 attività, e “Cavezzo 5.9” a Cavezzo che riunisce 17 esercizi commerciali. 

Il trasferimento delle attività economiche nella nuova struttura è stato possibile anche grazie al sostegno del bando per la localizzazione temporanea delle imprese dei comuni colpiti dal sisma, emesso dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito del Por-Fesr e gestito dalla Provincia di Modena, attraverso il quale sono stati finora liquidati 2 milioni e 700 mila euro di contributi ai 270 progetti già conclusi e rendicontati.

Nelle prime due aperture del bando sono state ammesse a finanziamento 600 domande di contributo provenienti dalle imprese del commercio, servizi e artigianato di servizio per un totale di 7 milioni di euro. Le rendicontazioni delle spese sostenute (condizione necessaria per ricevere la liquidazione del contributo ammesso) presentate finora sono 307 e, di queste, 270 sono appunto quelle liquidate. Nella terza apertura del bando sono state ammesse 160 domande per un totale di 1 milione 980 mila euro di contributo erogabile. "Sono numeri importanti – ha commentato Daniela Sirotti Mattioli assessore provinciale alle Politiche per l’economia locale – che definiscono un sostegno concreto per mantenere il tessuto commerciale e dei servizi insieme all’attrattività dei centri colpiti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricostruzione, fondi a 270 piccole imprese per una nuova sede

ModenaToday è in caricamento