rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Economia

Formazione continua, dipendenti Maserati sui banchi all'università

Dall'elettronica ai motori, fino all'aerodinamica. Unimore ha realizzato un percorso per i giovani dipendenti del Tridente, a cui è richiesta una formazione sempre più approfondita

Un ulteriore tassello della collaborazione ormai pluriennale tra Unimore e Maserati. A gennaio è iniziato al DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” un corso di formazione “Product Development Training”, riservato al personale della Casa del Tridente. L’attività formativa è stata definita da un Comitato Scientifico composto da docenti universitari e personale aziendale, coordinati direttamente dall’Ing. Roberto Fedeli, CTO Maserati. Il corso, dedicato a 50 dipendenti Maserati under 35, è costituito da 200 ore di formazione divise in 160 ore di moduli tematici e 40 ore di formazione in seminari specialistici. Le attività, iniziate il 16 gennaio scorso, termineranno il 24 febbraio.

I moduli tematici, della durata di 20 ore ciascuno, sono stati e sono tenuti da docenti Unimore e da personale proveniente dagli Atenei di Bologna, di Napoli, di Parma, di Pisa e Torino. La didattica spazia dall’Elettronica (prof. Marko Bertogna - Unimore) ai Motori a combustione interna (prof. Stefano Fontanesi e Enrico Mattarelli – Unimore), dagli Azionamenti elettrici (prof. Giovanni Franceschini – Unipr) al Controllo motore (prof. Nicolò Cavina – Unibo). Si passa poi per la Struttura del veicolo (Ing. Enrico Bertocchi – Unimore) e l’Aerodinamica (prof. Giovanni Lombardi – Unipi) fino all’Interfaccia uomo macchina (Ing. Roberto Montanari – Unisob-NA) e alla Dinamica del veicolo (Ing. Paolo Massai – PoliTO). Ogni partecipante verrà valutato dal Comitato scientifico, che coordina le attività e l’impostazione del corso, su ogni singolo modulo attraverso una prova.

“A livello regionale non è mai stato fatto niente di così strutturato nell’ambito di formazione aziendale – commenta il Rettore Unimore Angelo O. Andrisano - Questo corso è caratterizzato da una fortissima integrazione tra DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”, FIM - Dipartimento di Scienze Fisiche Informatiche e Matematiche e Maserati, e contribuisce ad arricchire l’ampio ventaglio di attività di Terza Missione in cui Unimore è già impegnata da tempo”.

 “L’obiettivo dei moduli è quello di aprire la mente dei partecipanti su temi importanti - aggiunge il prof. Francesco Leali, responsabile organizzativo del corso - e di garantire una comprensione profonda di aspetti anche molto specifici. Questo dovrebbe essere il primo di una serie di interventi mirati alla valorizzazione e crescita delle competenze professionali interne a Maserati, un ulteriore tassello verso la strutturazione della collaborazione tra il sistema universitario e il mondo produttivo”.

Alla conclusione di questo percorso gli studenti sono chiamati a presentare 10 progetti su temi considerati strategici per lo sviluppo dei veicoli Maserati dei prossimi anni. Ogni gruppo sarà seguito da un tutor che lo supporterà nella parte metodologica: analisi della concorrenza, simulazione di calcolo, realizzazione, sperimentazione e presentazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Formazione continua, dipendenti Maserati sui banchi all'università

ModenaToday è in caricamento