menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Medolla: Gambro, firmato oggi a Roma l'accordo azienda-sindacati

L'assessore Muzzarelli: "E' un passo in avanti. Ora concretizzarlo per tutelare lavoratrici e lavoratori"

"Parziale soddisfazione per l’accordo, è un passo in avanti". Lo ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli dopo la firma, oggi a Roma, dell’accordo tra Gambro Dasco Spa e sindacati dei lavoratori. All’incontro – che si è tenuto presso il Ministero dello Sviluppo economico, erano presenti altre alla Regione Emilia-Romagna anche la Provincia di Modena ed i Comuni interessati.
In base all’accordo, Gambro si impegna a ridurre il più possibile l’impatto della chiusura delle bloodline, focalizzando risorse ed attività dello stabilimento interessato, quello di Mirandola/Medolla, sul “sistema Artis”.


La attuale linea di produzione Monitor, quindi, continuerà e implementerà la produzione della Macchina Artis nelle diverse configurazioni e brand, così come continuerà la produzione della macchina Phoenix. L’attività di Ricerca & Sviluppo dello stabilimento non sarà abbandonata, ma anzi rilanciata, anche qui si concentrerà sul Sistema Artis.


"È stato un buon primo tempo della partita. Gambro – ha aggiunto l’assessore Muzzarelli - continuerà ad investire per lo stabilimento di Mirandola/Medolla, e questo per noi è fondamentale. Il passaggio positivo di oggi è la definizione di un impianto del progetto industriale puntuale che assicura prospettive produttive allo stabilimento di Medolla/Mirandola. Bisogna che le previsioni vengano concretizzate al più presto. Ora inizia una fase delicata, durante la quale le istituzioni assicureranno la massima attenzione, in particolare per quanto riguarda le successive fasi di negoziazione e l’intesa tra proprietà ed organizzazioni sindacali".

Felicitazioni anche dalla Provincia: «Soddisfazione per la firma dell’accordo che mette le basi per il rilancio dello stabilimento modenese e scongiura i licenziamenti annunciati». Lo afferma il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini commentando il risultato raggiunto nell’incontro che si è svolto a Roma nella sede del ministero dello Sviluppo economico con l’azienda Gambro Dasco spa e i sindacati. Francesco Ori, assessore al Lavoro della Provincia di Modena, che ha partecipato all’incontro insieme ai rappresentanti della Regione e dei Comuni, sottolinea che «ora si apre un fase dove è necessario un attento monitoraggio degli effetti di questo accordo sull’occupazione e sullo sviluppo dell’azienda, un monitoraggio per il quale garantiamo l’impegno delle istituzioni locali che hanno dimostrato fin dall’inizio della trattativa – aggiunge Ori – senso di responsabilità e grande capacità di trovare intese per garantire l’occupazione e un futuro certo all’impresa nell’ambito del distretto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Emilia-Romagna 1.208 nuovi positivi, di cui metà asintomatici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento