rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Economia San Faustino

"Habithub", le 12 imprese presentano i loro progetti innovativi

Prima riunione di confronto sui progetti e i lavori di ristrutturazione tra l’assessore allo Sviluppo economico e i selezionati dall’avviso pubblico per l’hub del Villaggio artigiano

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

 

È stimato in circa 300 mila euro il costo degli interventi di ristrutturazione dell’immobile del Villaggio Artigiano che ospiterà “HabitHub 106”, il network di 12 imprese innovative selezionate con avviso pubblico per entrare in affitto convenzionato nell’edificio di via Nicolò Biondo 106, appunto, individuato dal Comune di Modena come sede dell’Hub. I costi saranno a carico del raggruppamento di imprese e nel corso del primo incontro di approfondimento sul progetto, che si è svolto mercoledì 22 agosto con la partecipazione dell’assessore allo Sviluppo economico Daniele Sitta, è iniziata anche una verifica sulle opportunità di sgravi e finanziamenti con cui poter contribuire a un intervento che ha tra gli obiettivi anche l’adozione di tecnologie volte ad aumentare l’efficienza energetica dell’edificio.

A guidare il network di 12 giovani imprese e liberi professionisti è Saidmade srl che si occupa di sviluppo software. Gli altri membri del gruppo sono: Basiliko (web, mobile, innovazione), Associazione IncontrArti Riuso Creativo (riuso creativo di materiali), Bue snc (video produzioni, documentari), Atelier Descartes (allestimenti sostenibili), Luca Carta (fotografia e immagine), Studio Ape (architettura), Aska (moda ed eventi), IM srl (grafica), Naviger srl (software gestionali), Michela Iorio (comunicazione, giornalismo, alta cucina), Baltimore (grafica e comunicazione).

Obiettivo del gruppo è fare di “Habithub 106” un polo creativo tecnologico per le aziende che vi fanno parte e al tempo stesso realizzare uno spazio di coworking (cioè un’opportunità innovativa che consente di avviare all'attività imprenditoriale o professionale giovani mettendo a disposizione ambiente , strutture e servizi con costi ridottissimi), organizzare eventi ed esposizioni, sviluppare un incubatore di startup. Diversi di questi contenuti progettuali sono stati determinanti per la scelta della commissione che ha giudicato la proposta di “Habithub 106” la più coerente rispetto ai piani di riqualificazione del Villaggio Artigiano e allo spirito dell'avviso pubblico che puntava a selezionare giovani imprese innovative orientate alla collaborazione, allo sviluppo integrato di nuovi business, all’apertura alla città.

Al piano terra di “Habithub 106”, dove sono disponibili spazi per 700 metri quadrati e un’ampia area cortiliva, si insedieranno le attività di Incontrarti e Atelier Descartes, un’area per il lavoro condiviso da 15 postazioni e gli spazi comuni destinati ad accoglienza, ristoro, showroom, sala riunioni e sala mostre. Al primo piano si posizioneranno le attività degli altri professionisti del network e saranno ricavate sale riunioni, sala posa, sala macchina, spazi per server, stampanti e servizi su una superficie complessiva di 450 metri quadrati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Habithub", le 12 imprese presentano i loro progetti innovativi

ModenaToday è in caricamento