Progetto "Opencorona", un'azienda di Carpi nel team per sviluppare il vaccino rapido

IGEA partecipa al progetto europeo "Opencorona", finanziato in queste ore con 3 milioni di euro

La Commissione Europea ha approvato il progetto "Opencorona" per lo sviluppo di un vaccino per combattere il Covid-19: Rapid vaccine development through Open novel Corona Virus Vaccine Platform. Il finanziamento europeo complessivo sarà di tre milioni di euro, tra le aziende che parteciperanno al progetto anche IGEA, azienda di Carpi (Mo), leader nello sviluppo di tecnologie biofisiche da impiegare nel settore medico.

IGEA realizzerà il progetto assieme ad altri  partners: le  aziende svedesi Adlego e Cobra Biologics, la Justus Liebig University di Giessen (Germania), il Karolinska University Hospital (Svezia) e gli enti statali svedesi Karolinska Institutet  e  Folhhälsomyndigheten.

Questi partner, con cui IGEA collabora da molti anni, rappresentano l’eccellenza nello sviluppo di vaccini a base di DNA. In particolare, il progetto prevede di realizzare una vaccinazione a DNA che verrà somministrata tramite elettroporazione, una tecnica per aprire dei pori della membrana cellulare per introdurre nelle cellule il DNA o altre sostanze chimiche. Tutta l'attività di ricerca sarà coordinata dal Karolinska Institutet di Stoccolma e vedrà la partecipazione di IGEA come partner industriale. 

Nel progetto "Opencorona", IGEA sarà responsabile della tecnologia di elettroporazione impiegata per il trasferimento di una parte del genoma del virus all’interno delle cellule al fine di fare esprimere una proteina virale capace di attivare una forte risposta immune contro il Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IGEA ha sviluppato la tecnica di elettroporazione per l’inserimento di DNA nelle cellule da oltre 20 anni, i dispositivi sono attualmente certificati per l’uso nell’uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

  • Piano antismog, dal gennaio 2021 blocco per diesel Euro 4 (ed Euro 5)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento