rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia Carpi / Viale Agricoltura

Steel Cucine, inaugurato il nuovo stabilimento di Carpi con il Ministro Di Maio

Un investimento da 4,5 mln euro e una scommessa sul futuro per l'impresa carpigiana con sede in viale Agricoltura

Alla presenza delle istituzioni locali, del Ministro degli Esteri Luigi di Maio e del Presidente di Confindustria Emilia Valter Caiumi, si è svolta l’inaugurazione del nuovo stabilimento della Steel, azienda carpigana
che da oltre venti anni produce e commercializza elettrodomestici semi-professionali per uso domestico. Un’operazione dal valore di 4,5Mln euro che si inserisce in un piano strategico avviato prima dell’emergenza sanitaria e che nonostante essa non ha subito grandi variazioni.

Spiega Auro Po, CEO dell'azienda carpigiana: “La gestione di un’azienda comporta assunzione di rischi; quando nel 2020, nel pieno del primo allarme pandemia, abbiamo notato che nonostante le notizie dal mondo trasmettessero solo pessimismo la nostra raccolta ordini continuava a crescere abbiamo deciso di scommettere su noi stessi puntando a raddoppiare la nostra capacità produttiva”

“Siamo stati coraggiosi” continua Po “ma anche fortunati perché nei mesi successivi il governo ha varato importanti provvedimenti a sostegno dell’economia rendendo le nostre scelte anche particolarmente convenienti. Avevamo infatti già da tempo avviato una serie di quei processi che ora sono riassunti dalla formula “Industria 4.0” e per nostra fortuna i nostri tempi e le azioni di stimolo del governo hanno coinciso. Poiché però gli impianti richiedono spazi adeguati abbiamo allo stesso tempo ampliato la nostra superficie produttiva per potere studiare ed applicare un lay-out a flusso il più logico possibile. Inoltre, grazie all’ampliamento e revisione degli spazi, oggi abbiamo un’area espositiva che rispecchia maggiormente il nostro brand: così come i nostri prodotti, anche l’azienda ora si presenta ai nostri clienti come un unicum di tecnologia e design.”

La nuova sede, progettata da AMOSTUDIO di Modena ospita gli uffici, la sala mostra e lo spazio destinato alla produzione e la logistica. L’edificio, un parallelogramma irregolare, è stato svuotato e ripulito portando a vista la struttura a travi in cemento armato del tetto: si è dunque scelto di enfatizzare gli elementi strutturali - eliminando controsoffitti e pareti divisorie - per poi armonizzarli al progetto d’Interior.

Da un punto di vista distributivo l’ingresso centrale - un blocco a semicerchio che ospita anche i servizi - separa formalmente il grande open space in due macro aree, showroom da un lato e uffici dall’altro, collegati però da un corridoio centrale. La sala mostra si offre alla vista da diverse angolature e si presenta come una sequenza di isole ricavate in strutture in marmo parallele che, come astratti involucri, ospitano i blocchi cucina. All’interno dello show room è stato inoltre ricavato un grosso lucernario che proietta la sua sagoma a terra su un’aiuola verde, inondando lo spazio di luce zenitale.

Steel ha recentemente investito molto in quelle che vengono definite “Advanced manufacturing solution”, ovvero tecnologie innovative impiegate per migliorare prodotti e processi. Il nuovo sistema di taglio laser in fibra di ultima generazione con sistema di carico e scarico automatico permette di automatizzare le operazioni di taglio dell’acciaio ininterrottamente e senza presidio, così come il sistema di piegatura dello stesso, programmato per ottenere forme e dimensioni diverse. Questi sistemi robotizzati permettono da un lato di mantenere una qualità costante nel tempo e dall’altro di ottimizzare gli sprechi in modo ancora più incisivo, escludendo l’errore e il difetto quali variabili da considerare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Steel Cucine, inaugurato il nuovo stabilimento di Carpi con il Ministro Di Maio

ModenaToday è in caricamento