Vivere in Appennino? partono gli incontri Cgil sullo sviluppo della montagna Modenese

Affrontare le principali tematiche legate allo sviluppo del nostro Appennino dimostrando che si può rimanere a vivere in montagna e si può anche tornare ad abitarci. Partono gli otto incontri online, promossi dalla CGIL di Modena insieme al sindacato pensionati spi-cgil, per affrontare i temi dello sviluppo della montagna Modenese

Si intitola "Resto/Vado a vivere in montagna. Staffetta digitare per il futuro dell' Appennino modenese" il ciclo di incontri on-line promossi dal 13 novembre al 11 dicembre dalla CGIL di Modena insieme al sindacato pensionati spi-cgil per affrontare i temi dello sviluppo della montagna Modenese.

Otto incontri in diretta streaming su Facebook sulla pagina Modena CGIL per affrontare i temi più svariati, dai servizi socio-sanitari ai sistemi informativi e all'innovazione alle azioni per attrarre giovani, dal turismo alle attività commerciali e Infrastrutture.  

Vivere in Appennino: incontri online per motivare la ripopolazione della montagna, interviste

L'obiettivo della CGIL e dello spi è quello di mettere a confronto vari interlocutori per affrontare le principali tematiche legate allo sviluppo del nostro Appennino dimostrando che si può rimanere a vivere in montagna e si può anche tornare ad abitarci e scegliere la montagna come un luogo per vivere.  Il sindacato vuole quindi stimolare il confronto e fare intervenire tante voci ognuna portatrice di cultura esperienza e competenze nella convinzione che la pluralità di idee possa arricchire l'elaborazione delle strategie per lo sviluppo di un'area preziosa per la ricchezza di beni ambientali identitari e culturali Come il nostro Appennino.

Gli incontri

Il primo incontro è previsto per venerdì 13 novembre alle ore 15.00 dal titolo "La montagna si-cura: sanità assistenza servizi per tutti ". Interverranno Giancarlo Muzzarelli sindaco di Modena e presidente della conferenza territoriale socio sanitaria ctss, Giulio Desiderio responsabile medico base elisoccorso di Pavullo e Carlo Serantoni direttore del distretto sanitario di Pavullo e in rappresentanza del distretto di Vignola e Sassuolo.

Martedì 17 novembre alle ore 10.00 andrà in scena il secondo incontro che parlerà di "Investire sulle competenze formazione digitalizzazione e innovazione" interverranno Emiro Endrighi coordinatore Uni Appennino UNIMORE,  Giulio Campani presidente regionale del comitato Appennino emiliano Federazione Italiana sport invernali,  Francesco Falcone presidente di IAL Emilia Romagna,  Chiara Giovenzana esperta di innovazione membro del segretariato asvis e infine Piero Fantini presidente della fondazione ITS turismo e benessere.

Venerdì 20 novembre alle ore 10.00 e sempre in diretta Facebook si affronterà il tema "Infrastrutture lavoro turismo, quali priorità per l'attrattività del territorio" interverranno l'assessore regionale alla mobilità e trasporti turismo e commercio Andrea Corsini, il presidente della provincia di Modena Giandomenico Tomei,  Davide Pagliai guida ambientale escursionistica e Massimo Turchi presidente Associazione Linea Gotica Officina della memoria.

Martedì 24 novembre alle ore 14:30 ci si dedicherà ad "Ambiente: opportunità e sfide per una nuova immagine del territorio" con Guglielmo Garagnani presidente del consorzio Agro silvo-castanicolo con Moreno Guerrieri della Cooperativa forestale la patrignana Alleanza cooperative italiane, Francesco Baruffi Presidente dell'associazione Eiber e Pier Gabriele Andreoli direttore dell'agenzia per l'energia e lo sviluppo sostenibile.

Venerdì 27 novembre alle ore 14:30 si toccherà il tema  "Aricoltura quali strategie per uno sviluppo sostenibile" intervengono Alessio Mammi assessore regionale all'agricoltura, Luca Borsari presidente di Coldiretti Modena, Alberto Notari vice presidente di cia Emilia centro, Carlo Piccinini in rappresentanza di alleanza cooperative italiane e Raffaella Donadi e Antonio Cherchi di Slow Food nazionale.

Dicembre si apre con l' appuntamento del primo del mese alle ore 14:30 in cui si affronta il tema "Fare impresa in montagna quali impegni per rilanciare l'economia"  con Valter Caiumi presidente Confindustria Emilia, Andrea Vecchiè rappresentante pro-tempore rete impresa,  Elio Pierazzi presidente Cooperativa Ceramica alta di Frassinoro.

Venerdì 4 dicembre alle ore 14:30 si parlerà invece di "Obiettivo crescita, priorità, strumenti e strategie" ovvero dei principali strumenti europei e nazionali per lo sviluppo delle politiche delle aree interne con l'europarlamentare PD Elisabetta Gualmini, Giancarlo Cargioli presidente Gal antico Frignano e Appennino Reggiano, Giuseppe Molinari Presidente della Camera di Commercio di Modena, Massimo Sabatini direttore dell'agenzia Nazionale coesione territoriale.

Il ciclo di incontri si conclude venerdì 11 dicembre nella simbolica giornata internazionale della montagna con l'incontro alle ore 10 "Il futuro dell' Appennino è oggi "con Luigi Giove segretario CGIL Emilia Romagna e Barbara Lori assessore regionale Emilia Romagna alla montagna aree interne programmazione territoriale e pari opportunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Rallentano contagio e ricoveri in provincia di Modena. 11 decessi

  • Covid. Contagi stabili in regione, ma record di decessi. Modena scende

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento