menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Noleggio monopattini, Lapam: “Proponiamo per la città un'unica App della mobilità sostenibile”

Ogni azienda ha la propria app e i prpori costi: l'associazione di categoria suggerisce che il COmune si faccia parte attiva per semplificare il noleggio

Lapam della Zona di Modena ha inviato una lettera alle assessore del Comune di Modena Ludovica Carla Ferrari e Alessandra Filippi per fare una proposta sulle app dei nuovi monopattini elettrici. “E’ da tempo che parliamo di città Smart e di mobilità alternativa all'auto – spiega il presidente Lapam della Zona di Modena, Roberto Ferrari - e diverse cose sono state fatte, ma forse è arrivato il momento di fare un salto in avanti. Il centro storico è ora servito dai monopattini elettrici: peccato però che le aziende che li noleggiano siano almeno quattro e che, ovviamente, abbiano quattro App diverse. Per cui delle due l'una: o una persona si registra a quattro siti diversi, comunica i dati della sua carta di credito a quattro fornitori, versa almeno 5 euro in ogni App, o ne battezza una sola, ma a quel punto ci sarà l'inevitabile conseguenza che, per una strana legge del destino, accadrà che il monopattino di cui ha scaricato la App è sempre il più lontano da dove si trova”.

Lapam, allora, fa una semplice proposta: “Proponiamo di fare uno sforzo per far diventare veramente smart la città di Modena, chiediamo di mettere in sinergia tutti gli attori della mobilità. Si potrebbe fare un’unica App o una ‘Super App’ che raccolga tutte le altre, non solo pensando ai monopattini, ma inserendo in questo servizio anche gli autobus, i parcheggi, i taxi, ecc... Creare una App della mobilità sostenibile darebbe modo a chiunque, che sia un cittadino o un turista, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo di Modena di trovare e pagare il parcheggio; sapere quando passa un autobus, salire a bordo e pagare il biglietto; trovare e sbloccare il monopattino; chiamare e pagare un taxi; trovare e sbloccare una bicicletta; trovare una vettura, magari elettrica, ed utilizzarla in car sharing. Chiediamo che tutte le modalità alternative siano messe in sinergia fra loro per diventare veramente competitive rispetto all'utilizzo dell'automobile privata”.

Il presidente Lapam della Zona di Modena conclude: “Una App della mobilità sostenibile che raggruppi tutte queste possibilità, che metta veramente nelle condizioni di sapere cosa utilizzare e come possiamo muoverci, sarebbe certamente utile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento