rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia

Le “botteghe storiche” nella guida di Modena di Colombini

La attività riconosciute dall'albo nella ristampa di "Modena illustrata" di Elis Colombini editore, grazie a un accordo con l'assessorato allo Sviluppo economico

Oltre ai monumenti - a partire da piazza Grande, Duomo e Ghirlandina sito Unesco patrimonio dell’umanità - anche negozi, attività artigiane, caffè, osterie e trattorie, custodi da almeno mezzo secolo del “saper fare”, delle tipicità e delle tradizioni modenesi. Una opportunità in più per cittadini e visitatori che vanno alla scoperta della città. Le “Botteghe storiche” e i mercati storici di Modena, grazie a un accordo tra l’editore Elis Colombini e l’assessorato allo Sviluppo economico e Centro storico del Comune di Modena, sono ora pubblicati in una specifica sezione della terza edizione della guida “Modena illustrata, visita guidata alla città di Modena”, a cura di Patrizia Belloi ed Elis Colombini. La pubblicazione (costa 13 euro) si può acquistare in edicole e librerie e sarà disponibile anche allo Iat (informazioni e accoglienza turistica) di piazza Grande, sotto i portici del Comune.

“La storia di una città e della sua gente – sottolinea nella prefazione alla guida Stefano Prampolini, assessore comunale a Sviluppo economico e Centro storico – si snoda anche attraverso i luoghi tradizionali del commercio, che consentono di ritrovare l’identità di un territorio e un patrimonio di tradizioni che il Comune di Modena intende salvaguardare e valorizzare. Questa guida, attraverso la scoperta dei caffè e delle osterie, delle botteghe e delle attività artigianali storiche – conclude Prampolini – permetterà di conoscere dettagli e curiosità della vita quotidiana nel centro cittadino, della cura nel lavoro che continua a contraddistinguere gli imprenditori dei nostri territori, e i piatti tipici della nostra cucina in ambienti familiari e di tradizione”.

La guida, di agile consultazione e ricca di illustrazioni, fotografie, piante e cartina del centro storico con informazioni su monumenti, musei, chiese, tesori d’arte, strade, portici e luoghi del cuore cittadino, si arricchisce così di un altro modo di raccontare e far apprezzare Modena attraverso le sue botteghe storiche.

Tramite l’istituzione dell’Albo delle botteghe e dei mercati storici, il Comune di Modena intende salvaguardare e valorizzare un patrimonio, risorsa preziosa per la città anche sotto il profilo dell’attrattività turistica, in quanto testimonianza della storia, dell’arte, della cultura e della tradizione imprenditoriale e mercantile locale.

Le Botteghe e i Mercati storici, sono identificati da uno specifico marchio distintivo approvato dalla Regione Emilia-Romagna che comprova e palesa l’appartenenza all’Albo. Ogni impresa iscritta all'Albo può esporre il marchio distintivo e farne uso nella propria attività pubblicitaria. Agli iscritti all'Albo il Comune di Modena rilascia una targa sul modello del marchio regionale da apporre all'esterno dell'attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le “botteghe storiche” nella guida di Modena di Colombini

ModenaToday è in caricamento