Ferrari acquista il capannone della Meccanica Faro, licenziamento per i 10 dipendenti

L'espansione del Cavallino verso via Nuvolari avrebbe prima fatto ipotizzare al titolare dell'impresa di carpenteria la delocalizzazione a Formigine, salvo poi tramutarsi in una comunicazione di cassa integrazione e licenziamento

Un venerdì nero, quello del 30 ottobre, per i 10 lavoratori di Meccanica Faro di Maranello che si sono sentiti annunciare il loro licenziamento. Meccanica Faro è una nota azienda di carpenteria con sede a Maranello in via Nuvolari, con lavoratori di alta professionalità e con anzianità, per alcuni di loro, di quasi 30 anni.

Nonostante il momento difficile, l’azienda che ha sempre lavorato, ma il mese scorso il titolare ha ufficializzato la vendita del capannone a Ferrari Spa, nell'ambito delle operazioni che stanno portando all'espansione della casa automobilistica in tutto il comparto di via Nuvolari.

Cgil e Cisl spiegano: "Alle organizzazioni sindacali ed ai lavoratori il titolare aveva dato ampie rassicurazioni prospettando il trasferimento in un capannone a Formigine e che questa scelta non avrebbe modificato la prospettiva aziendale. Questo lo scenario fino a venerdì 30 ottobre quando, invece, il titolare senza spiegazioni ulteriori si è presentato a fine turno dai lavoratori comunicandogli che dal lunedì successivo gli addetti alla produzione sarebbero stati posti in cassa integrazione, finita la quale, sarebbero stati licenziati".

"Riteniamo tale scelta scellerata e senza senso. Dieci lavoratori e relative famiglie si trovano con l’unica prospettiva di perdere il lavoro senza alcun motivo plausibile - attaccano le sigle metalmeccaniche - Situazione simile alla nota vertenza della Tetra Acciai di Modena dove il titolare da un giorno all’altro vende prima il capannone e poi decide di chiudere le produzioni lasciando a piedi i lavoratori, a cui va la piena solidarietà dei lavoratori di Meccanica Faro".

La replica dell'azienda: "Nessun collegamento con l'acquisto di Ferrari"

Già lunedì 2 novembre i lavoratori si sono presentati davanti alla fabbrica insieme ai sindacati per avere risposte che ancora però non sarebbero arrivate e per questo mercoledì 11 novembre è fissato un incontro con la Direzione aziendale. I sindacati Fiom Cgil e Fim Cisl auspicano che in quell’incontro possa esserci un ripensamento della proprietà, in caso contrario anticipano fin da ora che, insieme ai lavoratori, si metteranno in campo tutte le azioni di lotta che saranno necessarie per garantire la continuità produttiva e occupazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Coronavirus, rallentano i numeri. A Modena contagi dimezzati rispetto a ieri

Torna su
ModenaToday è in caricamento