Modena è la Biomedical Valley italiana, start-up in concorso per l'Europa

Modena è diventata la Biomedical Valley italiana e si apre il concorso tra le migliori Start-up del settore biomedicale indetto dalla MEDTEC che sta cercando i 6 progetti start-up per portarli in Europa

L’8 e il 9 ottobre, durante MEDTEC Italy, 25 tra le start-up italiane più innovative del settore biomedicale parteciperanno alla Start-Up Academy che la multinazionale UBM CANON lancia per la prima volta proprio all’evento in programma a Modena Fiere. MEDTEC Italy è la maggiore piattaforma italiana d’incontro per l’intera catena di produzione dei dispositivi medicali e in due giorni di fiera proporrà un intenso programma di conferenze e incontri focalizzato principalmente sul tema dell’innovazione.

MODENA, LA "BIOMEDICAL VALLEY" ITALIANA. Espositori nazionali e internazionali, presenteranno le soluzioni più innovative e attuali del settore relativamente a materiali, componenti, elettronica, macchine di assemblaggio, tecnologie di produzione e servizi di supporto applicate a qualsiasi specialità medica: medicina cardiovascolare, ortopedia, radiologia e imaging medicale, assistenza d'urgenza, chirurgia, anestesiologia, medicina polmonare, assistenza domiciliare, medicina sportiva e riabilitativa.
 
START-UP ITALIANE PRONTE PER L'EUROPA. Le società che parteciperanno alla Start-Up Academy saranno valutate da un comitato composto da esperti e stimati professionisti nel settore e alle 6 che verranno giudicate più meritevoli verrà assegnato uno stand espositivo gratuito a MEDTEC Europe (Stoccarda, 21-23 Aprile 2015), dove poter incontrare potenziali partner per le proprie attività commerciali.
 
IL RUOLO DELLE START-UP. 
Le start-up presenti a MEDTEC Italy verranno suddivise in tre categorie che corrispondono ciascuna a un diverso stadio della loro attività. Progetto pilota. Start-up che hanno già individuato le opportunità commerciali del proprio prodotto, dimostrando di aver individuato una soluzione in grado di rispondere a una o più richieste tecniche e mirata a soddisfare un'esigenza medica in larga misura ancora non soddisfatta. In questa fase si valuta l'acquisizione di diritti di proprietà intellettuale sul dispositivo, la ricerca del potenziale mercato e il probabile beneficio clinico che il prodotto potrebbe offrire ai pazienti.
 
PROGETTAZIONE E SVILUPPO. Le start-up in questa fase si concentrano sul raggiungimento degli stadi iniziali e preclinici di sviluppo, come la risposta a una richiesta di prodotto o mercato, il riesame del progetto, il prototipo d'ingegnerizzazione, il congelamento del progetto e la valutazione e validazione a livello preclinico e clinico. Commercializzazione di successo. Le start-up in questo stadio si occupano del posizionamento sul mercato, dell'espansione del proprio portafoglio di prodotti, della costituzione di un'efficace rete di distribuzione e dell'attuazione delle migliori strategie per l'espansione internazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Licenziati due dipendenti della Polcart, i colleghi minacciano lo sciopero

Torna su
ModenaToday è in caricamento