menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Modena e Brexit, a rischio l’export del settore food, auto e moda

La Brexit potrebbe far male all’export modenese. A rischio i settori del food made in Italy, motori e moda

La Brexit potrebbe far male all’export modenese. Dalla mezzanotte del primo dell’anno la Gran Bretagna non è più ufficialmente parte dell’Unione Europea e questa uscita comporterà conseguenze anche a Modena nei confronti delle esportazioni verso l’isola.

Un’indagine Lapam Confartigianato evidenzia come Modena sia al settimo posto tra le province italiane per export verso il Regno Unito. La media nazionale è dell’1,4%, la nostra provincia ha un valore molto più alto, del 3,5%.

I principali settori

L’approfondimento Lapam fa notare che sul mercato del Regno Unito il made in Italy, negli ultimi dodici mesi a novembre 2020, vale 22 miliardi e 64 milioni di euro e tra gennaio e novembre di quest’anno le imprese italiane hanno registrato 3 miliardi e 169 milioni di euro in meno di vendite sul mercato britannico. L’export sul mercato britannico scende all’1,3% del PIL, dopo aver toccato un massimo relativo dell’1,4% del PIL nel 2019, non lontano dal massimo storico del 2000 (1,5%).

L’export verso il Regno Unito presenta una significativa specializzazione per i prodotti alimentari e bevande (14,9% dell’export totale verso il Regno Unito), mezzi di trasporto (quota del 13%) e moda (12,4%), tutti settori dove il ‘Made in Modena va particolarmente bene: nel complesso, infatti, food, moda e auto valgono un terzo (32,3%) del made in Italy nel Regno Unito.

L’Italia è il 5° paese Ue esportatore verso il Regno Unito, dietro a Germania, Paesi Bassi, Francia e Belgio, ma sale al primo posto per abbigliamento, pelle, mobili e al secondo posto per bevande, prodotti in metallo, macchinari e attrezzature.

L’esposizione dei territori sul mercato britannico

 Per finire Lapam approfondisce i numeri del nostro territorio. L’export manifatturiero verso il Regno Unito vale, in media nazionale a fine 2019, l’1,4% del valore aggiunto. Valori superiore alla media per l’Emilia-Romagna con export verso UK che vale 2,9% del valore aggiunto regionale, mentre Modena, come detto, si attesta sul 3,5% più del doppio rispetto al valore nazionale. Modena è dietro di una incollatura su Reggio (al 3,6%) e pari a Parma, mentre in regione fa meglio solo Piacenza con un 6,4%.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento