Sabato, 16 Ottobre 2021
Economia

Torna ‘MoRe Impresa Festival’, dibattiti e approfondimenti insieme alla scuola

Dal 13 al 15 ottobre l’iniziativa promossa da Lapam in Camera di Commercio. 113 classi collegate in streaming da istituti di Modena e Reggio Emilia

Torna a Modena il 13, 14 e 15 ottobre MoRe Impresa Festival, il festival delle imprese che si svolge presso la Camera di Commercio di Modena, che è per l’appunto la casa delle imprese modenesi. Un’iniziativa promossa da Lapam Confartigianato con il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, UniMoRe, Comune di Modena, Adapt e con il sostegno economico della Camera di Commercio di Modena, Formart e Fraer Leasing, per parlare di lavoro e imprenditoria.

Tra gli ospiti Michele Tiraboschi, Davide Rampello, Francesco Costa, Cristina Tajani, Stella Gubelli e tanti altri protagonisti del mondo della formazione, dell’impresa e del giornalismo italiano.

Sono ben 113 le classi iscritte da istituti superiori della provincia di Modena: Istituto Fermi, Liceo Sigonio, Istituto Calvi, Istituto Vallauri, Liceo Fanti, Istituto Spallanzani e Istituto Da Vinci. A queste della provincia modenese si aggiunge l'Istituto Einaudi di Correggio. La maggior parte delle classi seguirà gli eventi in streaming mentre alcune del Sigonio e del Fermi, essendo di Modena città, potranno partecipare anche in presenza.

Il Segretario Generale Lapam, Carlo Alberto Rossi, sottolinea: “Dopo il successo della prima edizione realizzata a dicembre 2019 e lo stop forzato imposto dalla pandemia nel 2020, siamo pronti per coinvolgere nuovamente il mondo delle imprese, i nostri associati e i principali attori del territorio, in un dibattito aperto sui grandi temi che interessano la nostra contemporaneità: sostenibilità ambientale, rapporto scuola lavoro, futuro del territorio, nuove tecnologie, made in Italy. Un’occasione nata per raccogliere nuove idee e per meglio indirizzare la nostra azione di rappresentanza, con un’importante novità rispetto al passato: il coinvolgimento diretto delle scuole secondarie di secondo grado delle due province in cui operiamo”.

Il Presidente Generale Lapam, Gilberto Luppi, allarga il ragionamento: “La scelta di coinvolgere anche in questo caso il mondo della scuola e della formazione è dettata da due motivi: far sentire protagonisti i più giovani dopo due anni difficili e rispondere ad una esigenza sempre più marcata e sentita dalla nostre imprese. Mi riferisco alla necessità di uno ‘scambio’ proficuo tra giovani e mondo del lavoro che ad oggi è troppo spesso assente e non solo a causa dei continui cambiamenti della normativa sulla cosiddetta alternanza scuola/lavoro. Troppo spesso infatti il disallineamento tra aula e azienda comincia prima e precisamente da una mancata comprensione delle reciproche realtà. Le scuole e i più giovani non conoscono le potenzialità delle imprese italiane e le aziende non sono agevolate nel costruire un dialogo continuativo con le istituzioni scolastiche. Come associazione - puntualizza il presidente Lapam - siamo molto attenti a questo mondo, e pensiamo anche alla recente convenzione siglata con Cdr e FORMart”.

Il Sindaco Muzzarelli spiega: “Solo insieme si riparte, oggi abbiamo bisogno di accelerare sugli assi della sostenibilità e sul digitale, e sulla formazione coinvolgendo le scuole. L’export di Modena sta andando bene, ha superato le performance del 2019, siamo attrattivi e vogliamo continuare a lavorare su questa strada. Grazie a Lapam per questa opportunità e a tutti i partner coinvolti dall’iniziativa”.

Stefano Bellei, Segretario Generale della Camera di Commercio di Modena, aggiunge: “Nel nostro territorio c’è un’impresa ogni 9 abitanti, è evidente che le ricadute vanno molto oltre la dimensione economica, ma sono anche di natura sociale. Fare rete tra diversi soggetti è decisivo: MoRe Impresa Festival è anche un momento di formazione per gli imprenditori, un’occasione di crescita molto importante e significativa”.

Conclude Carlo Alberto Rossi: “È vero che dobbiamo tutti pensare alle nostre priorità, ma è altrettanto vero che senza un punto di incontro difficilmente recupereremo il gap che ci separa dai nostri principali competitor. Paesi, anche vicini, che hanno saputo mettere in cima alla loro agenda lo sviluppo delle competenze e che per questo, oggi, possono dettare l’agenda anche ad altri. Noi, con questa iniziativa, ci auguriamo nel nostro piccolo di aver contribuito a facilitare questo scambio”.  

‘MoRe Impresa Festival’: il programma

La seconda edizione di MoRe Impresa Festival inizia alle 20 del 13 ottobre, in Camera di Commercio (che ospiterà la tre giorni promossa da Lapam): i partner e le autorità. Saranno presenti, oltre al Presidente Lapam Confartigianato Gilberto Luppi, il Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, il presidente della Camera di Commercio di Modena Giuseppe Molinari, il Pro rettore e vicario per la sede di Modena di UniMoRe professor Gianluca Marchi, il Prefetto di Modena Alessandra Camporota, il Colonnello dei Carabinieri Antonio Caterino, il Comandante della Guardia di Finanza Adriano D’Elia.

Mercoledì 13 ottobre alle 20.30 ‘Ben fatto! Come il made in Italy ha stupito il mondo’, con Ilaria Vesentini del Sole 24 Ore che intervista Rampello, saggista, regista e autore televisivo, past President Triennale, curatore del padiglione Italia ad Expo 2015 e ad Expo 2020.

Giovedì 14 ottobre apertura con Francesco Costa, giornalista e scrittore del Post, in dialogo con gli studenti delle scuole superiori di Modena nell’appuntamento ‘Unire i puntini. Come leggere i fatti del giorno e interpretare la realtà’. Alle 11.30 ‘Sostenibilità ambientale e lavoro. Come affrontare la sfida del nostro tempo’ con Stella Gubelli, responsabile Area Consulenza ALTIS Università Cattolica e Giuseppe Sabella, direttore di Think Industry 4.0 e autore di ‘Ripartenza Verde’ intervistati da Paolo Seghedoni.

Alle 18 workshop con Gianluca Diegoli sull’e-commerce, mentre alle 20.30 ‘Città prossime. Il futuro dei centri urbani e il loro rapporto con il territorio’ con Cristina Tajani, ex assessora al Comune di Milano e autrice di ‘Città prossime’ e Gian Carlo Muzzarelli, sindaco di Modena a confronto con il giornalista e conduttore di Radio 1, Massimo Cerofolini, sulla relazione tra città e territorio e sui cambiamenti che li stanno trasformando.

Venerdì 15 ottobre ultima giornata aperta alle 9.30 da ‘Spazio ai giovani. Come cambiare il mondo del lavoro e creare futuro’, con Michele Tiraboschi, professore di Diritto del Lavoro all’Università di Modena e Reggio Emilia a confronto con Morena Sartori, direttrice della Fondazione FITSTIC – Fondazione Istituto Tecnico Superiore Tecnologie Industrie Creative. Alle 11.30 ‘Ti racconto la mia impresa’, quattro storie d’impresa raccontate ai più giovani. Elisabetta Pistocchi, direttore di FORMart, intervista quattro professionisti che hanno trasformato la propria passione in un mestiere. Giovanni Panini di Ixoost, Nicolò Cipriani di Rifò, la guida ambientale Astrid degli Esposti e la make-up Artist Yenny Rosales. Alle 15 ‘Catene globali del valore e sviluppo sostenibile. Evoluzioni in corso e scenari possibili dopo l’emergenza Covid-19’, Valentina de Marchi docente dell’Università di Padova, dialoga con Livio Lazzari giornalista Lapam. Infine, alle ore 18, ‘Il futuro del lavoro. Nell’epoca dell’intelligenza artificiale e dei big data’: Costantino Grana discute con Francesco Meoni, responsabile della Linea Pilota BI-REX, Competence center dell’Emilia Romagna e Gianluca Dotti, giornalista di Wired e Mediaset.

Il MoRe Impresa Festival è un’iniziativa promossa da Lapam Confartigianato con il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, UniMoRe, Comune di Modena, Adapt e con il sostegno economico della Camera di Commercio di Modena, Formart e Fraer Leasing, per parlare di lavoro e imprenditoria. Il programma completo e lo streaming della tre giorni sul sito www.moreimpresafestival.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna ‘MoRe Impresa Festival’, dibattiti e approfondimenti insieme alla scuola

ModenaToday è in caricamento